Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.743,89
    -56,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    13.842,91
    -57,28 (-0,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.538,73
    -229,33 (-0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1909
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    50.529,89
    -236,10 (-0,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.286,43
    -8,15 (-0,63%)
     
  • HANG SENG

    28.453,28
    -245,52 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    4.126,20
    -2,60 (-0,06%)
     

Borsa Milano chiude piatta, spread a 100pb

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Seduta senza slancio per le borse europee che, partite positive, hanno perso verve con l’avvicinarsi dell’avvio degli scambi a Wall Street. Le vendite di bond governativi, che stanno producendo un rialzo dei rendimenti, hanno spinto lo spread Btp-Bund in quota 100 punti base (una settimana fa il nostro decennale rendeva lo 0,65%, oggi lo 0,78%).

A Milano, dove il Ftse Mib si è fermato a 23.063,55 punti (-0,15%), la seduta è stata caratterizzata dall’andamento dei titoli del comparto petrolifero, ed in particolare di Tenaris (+13,74%) e Saipem (-9,28%).

La prima ha annunciato di aver chiuso l’esercizio 2020 con ricavi in calo del 29% a 5,14 miliardi ed un risultato netto negativo per 642 milioni. La società prevede “una graduale ripresa delle vendite per gran parte dell’anno". Il 2020 di Saipem si è invece chiuso con una perdita netta di 1,13 miliardi (+12 milioni nel 2019).

Debolezza per Telecom Italia (-2,84%), che nonostante la promozione ad “overweight” annunciata da Barclays è stata vittima di prese di beneficio dopo il balzo di ieri, ed Atlantia (-1,76%), in scia dell’incertezza su come verrà accolta l’offerta da circa 9 miliardi di euro avanzata dal consorzio guidato dalla Cassa depositi e prestiti.

Lettera anche per Leonardo (-1,93%) in attesa del Cda chiamato a decidere sul futuro di DRS. (in collaborazione con money.it).