Italia markets close in 6 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    24.584,65
    +55,96 (+0,23%)
     
  • Dow Jones

    34.035,99
    +305,10 (+0,90%)
     
  • Nasdaq

    14.038,76
    +180,92 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,51
    +0,05 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    51.446,09
    -1.487,77 (-2,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,61
    -9,33 (-0,68%)
     
  • Oro

    1.766,60
    -0,20 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,1979
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.170,42
    +45,76 (+1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.004,81
    +11,38 (+0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8711
    +0,0027 (+0,32%)
     
  • EUR/CHF

    1,1014
    -0,0019 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4989
    -0,0021 (-0,14%)
     

Borsa Milano chiude in rosso, denaro sulle banche

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Seconda parte in ritirata per le borse europee, spinte al ribasso, come del resto anche Wall Street, dalle indicazioni preliminari relative l’andamento del mercato del lavoro statunitense. In attesa dei dati ufficiali in calendario venerdì, a febbraio il settore privato statunitense ha evidenziato un incremento delle buste paga di 117 mila unità, decisamente inferiore rispetto alle circa 200 mila unità del consenso e della precedente rilevazione.

In positivo nella prima parte, il Ftse Mib ha chiuso la seduta a 23.049,39 punti, -0,15% rispetto al dato precedente, sostenuto dagli acquisti sui titoli del comparto bancario: Banco BPM ha segnato un +1,89%, UniCredit ha messo a segno un +2,52% ed Intesa Sanpaolo ha chiuso con un +2,25%. Per quanto riguarda quest’ultima, oggi ha capitalizzato la notizia che Nexi (-2,88%) potrebbe acquisire il ramo di azienda di merchant acquiring di UBI Banca.

Chiusura sopra la parità per Atlantia (+0,55%), ieri vittima delle prese di beneficio, e giornata a due velocità per Stellantis (-0,19%), spinta nella prima parte dalla pubblicazione dei conti di FCA e dall’annuncio di un dividendo da 1 miliardo di euro. Il 2020 di Fiat Chrysler si è chiuso con ricavi a 86,68 miliardi, -20% rispetto al 2019, ed un utile netto adjusted in contrazione del 57% di 1,86 miliardi. Nel 2021, il margine operativo, sempre in versione depurata, è visto nel range 5,5-7,5 per cento.

Giornata di conti anche per Amplifon (-8,35%), penalizzata dalle indicazioni fornite dal management, e valutate insufficienti, sull’andamento del business nei prossimi mesi.

Giornata particolarmente importante sul mercato obbligazionario. Con lo spread poco mosso a 104 punti base, oggi il Ministero dell’Economia ha collocato Btp Green per 8,5 miliardi di euro con scadenza 2045. Il nuovo titolo di Stato dedicato al finanziamento delle spese sostenute dallo Stato a positivo impatto ambientale ha registrato un rendimento di 12 punti base sul pari titolo con scadenza 2041 ed una domanda di oltre 80 miliardi di euro. (in collaborazione con money.it).