Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.873,46
    +112,41 (+0,33%)
     
  • Nasdaq

    13.099,80
    +52,62 (+0,40%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    88,72
    -3,37 (-3,66%)
     
  • BTC-EUR

    23.841,87
    -426,01 (-1,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    576,42
    -14,34 (-2,43%)
     
  • Oro

    1.795,50
    -20,00 (-1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0179
    -0,0078 (-0,76%)
     
  • S&P 500

    4.289,56
    +9,41 (+0,22%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8428
    -0,0028 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    0,9621
    -0,0034 (-0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,3121
    +0,0019 (+0,15%)
     

Borsa Milano debole con Europa, scivola Saipem, tengono le utility

Il logo Iveco all'esterno della sede della Borsa di Milano, nel giorno del debutto in borsa dell'azienda

MILANO (Reuters) - Dopo un avvio positivo Piazza Affari, come le altre borse europee, si indebolisce e vira in rosso influenzata anche dall'andamento negativo dei futures di Wall Street al ritorno delle festività.

Sul mercato continuano a permanere i timori su crescita e inflazione, con un occhio particolare alla crisi energetica e al balzo dei prezzi del gas, mentre la discesa dell'euro ai minimi di 20 anni si ripercuote anche sui listini azionari.

Ad ulteriore conferma dell'andamento dell'economia sono arrivati stamani i dati Pmi europei che hanno segnalato un deciso deterioramento del tasso di crescita dell'attività economica.

Intorno alle 13,30 l'indice FTSE Mib perde lo 0,87%. Volumi fiacchi, intorno ai 570 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Saipem scivola in fondo al FTSE Mib con un calo del 10% mentre i diritti precipitano di oltre il 70% nell'ultimo giorno di negoziazione, segnalando lo scarso interesse del mercato e il rischio che gran parte dei 2 miliardi di ricapitalizzazione finisca per essere sottoscritta dalle banche del consorzio di garanzia.

Poco mossi i bancari, mentre cede il risparmio gestito che sconta il debole andamento della raccolta, mettendo sotto pressione le aspettative sui ricavi da commissioni.

In particolare Anima perde il 3,5% dopo i dati sulla raccolta netta a giugno negativa per 247 milioni.

"Il contesto macro di giugno è stato decisamente sfidante, e questo si è riflesso in una raccolta non particolarmente brillante", commenta Equita.

Banca Generali, Mediolanum e Azimut segnano ribassi di oltre il 2%.

Vendite anche tra gli industriali con Leonardo e Iveco in calo rispettivamente del 4,5% e del 3,5%.

In controtendenza le utility, con A2A che sale dell'1,6%, Terna dello 0,9% e Hera dello 0,4%.

Nel settore healthcare bene anche oggi Amplifon in progresso del 2,3%.

Nel lusso Moncler sale di un punto percentuale favorita anche dalla promozione di Rbc a "sector perform" da "underperform".

(Andrea Mandalà, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli