Italia markets close in 6 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    26.144,06
    +138,66 (+0,53%)
     
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    68,60
    +2,10 (+3,16%)
     
  • BTC-EUR

    50.159,51
    -422,18 (-0,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.444,26
    +5,38 (+0,37%)
     
  • Oro

    1.768,10
    +5,40 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1293
    -0,0013 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.122,19
    +14,17 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8504
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0400
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4482
    +0,0010 (+0,07%)
     

Borsa Milano deciso calo su timori nuovi lockdown, giù Autogrill, banche, bene Tim

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici in deciso calo a Piazza Affari, che ampliano il ribasso registrato in Europa, su nuovi timori per le restrizioni a seguito dell'annuncio di un ritorno al lockdown in Austria a causa del dilagare dell'epidemia da Covid-19.

Intorno alle 12,50 l'indice FTSE Mib cede l'1,25% poco sopra i minimi di seduta, dopo un avvio decisamente positivo stamani.

Sul fronte della materie prime, il greggio perde terreno anche oggi, con gli investitori che continuano a valutare l'impatto della potenziale liberazione di riserve da parte delle principali economie in uno sforzo coordinato per abbassare i prezzi dell'energia e domare l'aumento dell'inflazione. Il Brent arretra del 3% circa sotto i 79 dollari al barile.

Tra i titoli in evidenza:

Pesante il comparto bancario, venduto a livello europeo con lo stoxx settoriale che arretra del 2,1%. In ribasso di circa il 4% Mps dopo lo stop per eccesso di scostamento. Giù anche Unicredit che flette del 4,4% e Intesa Sanpaolo del 2,9%.

Dilagano le vendite in particolare sul comparto consumer. "L'annuncio di nuovi lockdown in Austria ha fatto tornare i timori di un ritorno alle chiusure anche da noi e quindi minore movimento delle persone e dei consumi", osserva un trader. Questo spiega il forte calo di Autogrill che perde l'8,1%, uno dei titoli più penalizzati dalla chiusure imposte dalla pandemia lo scorso autunno-inverno. Giù anche Ovs in flessione del 3,4%.

Cambia rotta anche il settore oil che risente dei tensioni sui prezzi del greggio. Eni arretra dello 0,7%, nonostante l'upgrade a "overweight" di Barclays. Vendute anche Tenaris (-0,84%) e Saipem (-1,9%).

Realizzi su Ferragamo (-2,1%) dopo la recente corsa, giù anche Moncler (-0,85%).

In territorio positivo, si distingue Diasorin che avanza del 2,4% e beneficia degli effetti derivanti dalla pandemia che spingono a maggiori test antigenici e molecolari. Raccolta anche Tim che registra un rialzo del 3,74%.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli