Italia markets close in 1 hour 51 minutes
  • FTSE MIB

    24.284,10
    -518,80 (-2,09%)
     
  • Dow Jones

    34.392,00
    -350,82 (-1,01%)
     
  • Nasdaq

    13.190,20
    -211,66 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    63,85
    -1,07 (-1,65%)
     
  • BTC-EUR

    45.486,93
    -2.362,07 (-4,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.564,59
    +1.321,91 (+544,72%)
     
  • Oro

    1.819,70
    -17,90 (-0,97%)
     
  • EUR/USD

    1,2157
    +0,0022 (+0,18%)
     
  • S&P 500

    4.136,95
    -51,48 (-1,23%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.924,94
    -98,41 (-2,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    +0,0031 (+0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,4714
    +0,0030 (+0,21%)
     

Borsa Milano e piazze europee attese poco mosse, tra trimestrali e dati macro

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari e le principali Borse europee si dirigono verso un avvio di scambi piatto, con gli investitori alle prese con la stagione degli utili negli Stati Uniti che vede in primo piano i bancari e con i dati sull'inflazione di alcune tra le principali economie della zona euro, tra cui l'Italia. In Germania il dato sull'inflazione è stato diffuso prima dell'avvio degli scambi in Europa: l’indice dei prezzi al consumo definitivo tedesco ha mostrato una crescita mensile dello 0,5% e dell'1,7% su base annuale a marzo (dati in linea con il consensus e la precedente lettura). I listini del Vecchio continente sono attesi misti dopo la debole chiusura di Wall Street e quella all'insegna dell'incertezza in Asia, dove l'indice giapponese Nikkei ha strappato un modesto rialzo. Dopo i riscontri sull'inflazione, lato macro l'agenda macro di odierna prevede in mattinata la riunione della banca centrale turca sui tassi e come anticipato l'inflazione in Italia. Nel pomeriggio occhi puntati sugli Stati Uniti, dove verranno pubblicati i dati settimanali sui sussidi alla disoccupazione ma anche le vendite al dettaglio e la produzione industriale. Nella carrellata di dati anche due indicatori anticipatori, l’Empire State Index e il Philly Fed Index, che potrebbero, secondo alcuni esperti, confermare lo slancio dell’economia americana. Per la stagione degli utili in Usa l'attenzione si concentra sui risultati del primo trimestre di Bank of America, Citigroup e PepsiCo.