Italia markets open in 7 hours 57 minutes
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0515
    +0,0046 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    16.030,17
    -346,21 (-2,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,86
    -7,18 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     

Borsa Milano, indici in cauto rialzo alle prese con trimestrali, strappa Saipem, giù Bper

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici poco mossi a Piazza Affari che tira un po' il fiato dopo il rally delle ultime sedute. La giornata è contrassegnata dai numerosi risultati societari che condizionano i corsi di Borsa.

A livello più generale, i riflettori degli investitori sono puntati sul dato chiave dell'inflazione Usa atteso domani e sui risultati delle elezioni di metà mandato, che determineranno il controllo del Congresso Usa.

Intorno alle 12,45 il FTSE Mib avanza dello 0,31%. Volumi pari a poco più di 700 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

In ordine sparso i bancari, spinti da Banco Bpm che tuttavia attenua la corsa iniziale e sale intorno a 1% dopo i risultati del terzo trimestre sopra le attese per maggiori ricavi e la guidance 2022-23 rivista al rialzo, scrive Equita nel daily che conferma la raccomandazione "Buy" con prezzo obiettivo in salita a 4,2 euro.

Fra le big, Unicredit passa in negativo (-0,3%), mentre guadagna lo 0,35% Intesa Sanpaolo. Ancora debole Bper (-1,9%) dopo il crollo di ieri post risultati (-7,6%).

Nell'asset management prosegue anche oggi il rialzo di Finecobank (+2,6%) dopo il trimestre e il miglioramento dell'outlook per il 2022-23. Barclays ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo a 17,5 euro da 17 euro.

Fra i petroliferi svetta Saipem che balza del 6,6%, superando quota 1 euro, livello che non vedeva da metà luglio scorso. Secondo un trader, a tirare la volata la decisione del broker JP Morgan di rivedere al rialzo la raccomandazione della oil service a "Overweight", con un prezzo obiettivo di 1,75 euro.

Balza intorno al 4% Recordati in scia ai risultati dei nove mesi migliori delle attese e alla revisione al rialzo della guidance per l'anno in corso. Alla luce di queste notizie, il broker Banca Akros ha portato la raccomandazione da "Accumulate" a "Buy" e il prezzo obiettivo da 48,5 euro a 49 euro.

Corre anche Iveco (+2,8%) dopo i risultati stamani e la revisione delle stime al rialzo per il 2022.

Svetta Avio con un balzo del 7,5%.

Cedenti le azioni Ferragamo che si muovono piatte dopo una prima parte della seduta in calo di circa il 2% a seguito dei risultati dei nove mesi che sul fronte dei ricavi e dell'Ebit sono stati in linea con le attese. Il broker Bestinver, che mantiene la raccomandazione di "Hold", scrive che occorre aspettare la prossima collezione autunno-inverno per valutare le reali qualità del nuovo designer Maximillian Davis.

Ritraccia anche oggi Tim (-1,7%) dopo il rally delle ultime sedute sulle continue indiscrezioni di una possibile Opa di Cdp sul gruppo telefonico, nel giorno del Cda sui conti.

Sul fronte delle utility, infine, raccolta Hera in salita del 2,6% in attesa dei risultati oggi, mentre Acea guadagna lo 0,9% dopo la trimestrale.

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)