Italia markets close in 8 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    26.988,46
    -112,16 (-0,41%)
     
  • Dow Jones

    34.053,94
    -39,02 (-0,11%)
     
  • Nasdaq

    12.200,82
    +384,50 (+3,25%)
     
  • Nikkei 225

    27.509,46
    +107,41 (+0,39%)
     
  • Petrolio

    75,43
    -0,45 (-0,59%)
     
  • BTC-EUR

    21.518,40
    -522,78 (-2,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,15
    -11,17 (-2,05%)
     
  • Oro

    1.926,70
    -4,10 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0892
    -0,0019 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    4.179,76
    +60,55 (+1,47%)
     
  • HANG SENG

    21.650,31
    -308,05 (-1,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.220,80
    -20,32 (-0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8933
    +0,0017 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9969
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4542
    +0,0020 (+0,14%)
     

Borsa Milano, indici poco mossi, Juve in netto calo, bene lusso, al palo Tim

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - A Piazza Affari seduta con gli indici in cauto rialzo sulla scia anche del rally delle borse asiatiche, grazie al balzo del settore immobiliare e alle indiscrezioni secondo cui, i recenti disordini antigovernativi in Cina, potrebbero portare a un allentamento delle misure restrittive anti Covid in atto.

Intorno alle 10,00 il FTSE Mib è sostanzialmente invariato.

Tra i titoli in evidenza:

Juventus in calo del 3%, ma in netto recupero rispetto all'avvio quando il titolo ha toccato i minimi da marzo 2017, travolta dalle vendite in scia alla decisione del Cda di dimettersi dopo che negli ultimi mesi i conti del club sono stati oggetto di indagine della Procura e della Consob per ipotesi di falso in bilancio e manipolazione del mercato. Per un trader si tratta di una reazione istintiva del mercato rispetto a quanto sta succedendo nella società.

Le attese di possibili riaperture in Cina premiano il comparto lusso con Brunello Cucinelli in salita dell'1,8%, seguita da Moncler (+1%) e Ferragamo(+1,5%).

Ben raccolta anche Erg che sale dell'1,6% nel primo giorno di quotazione nel FTSE Mib, che raggruppa i principali quaranta titoli di Borsa per capitalizzazione e volumi. Si tratta di tipici aggiustamenti di portafoglio da parte dei gestori di fondi.

Tra i bancari, UniCredit arretra dello 0,34%, mentre è piatta Intesa SP. Decisamente peggio MPS che cede il 2,24% a 1,76 euro, sempre lontana dal prezzo di sottoscrizione del recente aumento di capitale a 2 euro.

Ancora debole Telecom Italia, in flessione dell'1%, sempre in balia delle nuove incertezze sul piano della rete unica. Ieri il segretario della Cgil, Maurizio Landini, ha detto che il governo non ha chiarito nell'incontro con i sindacati se Cdp presenterà l'offerta non vincolante per la rete entro il termine del 30 novembre fissato dal Mou con Tim.

(Giancarlo Navach, editing Andrea Mandalà)