Italia markets close in 7 hours 56 minutes
  • FTSE MIB

    24.559,41
    +93,46 (+0,38%)
     
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    78,70
    +0,50 (+0,64%)
     
  • BTC-EUR

    16.339,93
    +288,27 (+1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,41
    +12,69 (+3,26%)
     
  • Oro

    1.768,80
    +5,10 (+0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,0346
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    18.597,23
    +392,55 (+2,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.954,47
    +20,03 (+0,51%)
     
  • EUR/GBP

    0,8646
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9855
    +0,0007 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4038
    +0,0014 (+0,10%)
     

Borsa Milano, indici in rialzo su attese WS, rally per Tim, Juve, giù Unicredit

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio di settimana con intonazione positiva per gli indici di Piazza Affari che si muove sostenuta, insieme alle altre borse europee, dalle attese di un avvio positivo a Wall Street nel pomeriggio, nonostante Pechino abbia confermato la rigida politica anti-Covid a seguito di una nuova rescrudescenza di infezioni nel Paese.

I riflettori degli investitori sono anche puntati sull'esito delle elezioni di midterm negli Stati Uniti che determineranno il controllo del Congresso.

Intorno alle 12,45 il FTSE Mib guadagna lo 0,58%. Volumi intorno a 900 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Corrono i titoli della galassia Telecom con Tim in crescita del 7,3% e le risparmio in rialzo del 6,5% sulle continue indiscrezioni di una possibile Opa sul gruppo telefonico, mentre il principale azionista Vivendi si è detto disponibile a sedersi a un tavolo di confronto con il nuovo governo.

In gran spolvero il titolo della Juve (+4,5%), fra i migliori del giorno, dopo la vittoria nel derby d'Italia per 2 a 0 contro l'Inter. Secondo un trader la vittoria di ieri rilancia il club in campionato che si appresta a una lunga pausa per i mondiali in Qatar e quindi tutto può ancora succedere nella corsa per lo scudetto.

Fra i bancari, poco mossi a livello di indice, svetta MPS su ricoperture post conclusione dell'aumento di capitale da 2,5 miliardi con le azioni che segnano un rialzo del 6,5 a 1,72 euro, ancora lontane da quota 2 euro, il valore di sottoscrizione dell'aumento.

In netto calo Unicredit che cede il 2,5%, penalizzata dalle indiscrezioni riportate dal Financial Times ieri secondo cui la Banca centrale europea e la banca italiana sono in contrasto sui piani di distribuzione del dividendo dell'istituto di credito e sulla sua mancata uscita dalla Russia.

Ben raccolta, invece, Intesa Sp che sale del'1,7% dopo i risultati del trimestre, venerdì scorso, sopra le attese. Sul titolo SocGen ha portato il prezzo obiettivo a 2,3 euro da 2,1 precedente, mentre Barclays l'ha portato a 2,5 euro da 2,3.

Venduto il comparto delle utility più esposto verso le attività regolate, com Snam, Terna e Italgas in calo rispettivamente di -1,6%, -0,4% e -1,3%.

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)