Italia Markets closed

Borsa Milano ingessata, pesa WS in calo, settimana molto negativa su effetto Covid

·2 minuto per la lettura
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Manca di forza il tentativo di rimbalzo a Piazza Affari, che non trova sponda dall'andamento in forte calo degli indici a Wall Street. La borsa di Milano si appresta così ad archiviare una settimana molto pesante, registrando cinque sedute consecutive negative e un bilancio settimanale in rosso che sfiora un ribasso dell'8%.

A poco servono i dati superiori alle attese dei Pil della zona euro e della Germania, mentre anche il Pil italiano, secondo i dati provvisori di Istat, ha registrato nel terzo trimestre un rimbalzo post-lockdown significativamente superiore alle aspettative degli analisti.

Resta di fondo un clima di incertezza per le imminenti elezioni Usa e le fosche prospettive dell'economia sotto il peso della nuova ondata di COVID-19.

Sul fronte delle materie prime, le quotazioni del greggio restano poco sopra i 37 dollari al barile con un andamento molto volatile delle quotazioni.

Rimbalzano i titoli oil, con Saipem che avanza del 5,4%, bene anche Tenaris (+3,9%) colpita duramente ieri dalla lettera, mentre Eni sale di 0,4%.

Ben raccolta Italgas (+2,7%) dopo i risultati dei nove mesi e il piano strategico al 2026 con "obiettivi positivi e sopra le attese a tutti i livelli", sottolinea un broker.

Tonica Brembo, in rialzo del 3%; bene anche Piaggio (+6%) dopo i risultati del terzo trimestre.

Sul fronte delle banche, migliora il tono, con Unicredit che balza dell'1,4%, Intesa Sp piatta e Banco Bpm (+1,7%) dopo l'incremento della partecipazione di Giorgio Girondi.

Mps (-2,2%) sotto pressione per le notizie sull'incremento degli accantonamenti per rischi legali e sull'ipotesi di aumento di capitale. [nL1N2HK2Z7]

Prysmian (-2,4%) ritraccia dopo i guadagni della vigilia nonostante la promozione a "buy" di Kepler e di Akros dopo i buoni risultati trimestrali.

Pesante anche Tod'S, che flette del 3,6% dopo che Citigroup ha tagliato il prezzo obiettivo a 22 euro dal 23,5 euro precedente.

Giu' anche Tim (-1,4%) sui minimi storici: il broker Jefferies ha ridotto il prezzo obiettivo sul titolo a 0,42 euro da 0,47 euro precedente.

Scende con decisione anche Recordati (-4,6%) in scia a una trimestrale inferiore alle attese degli analisti.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)