Italia markets close in 7 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    24.697,57
    +6,11 (+0,02%)
     
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.100,38
    -584,99 (-1,97%)
     
  • Petrolio

    63,90
    +0,52 (+0,82%)
     
  • BTC-EUR

    44.530,24
    -2.913,48 (-6,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.207,72
    -91,24 (-7,02%)
     
  • Oro

    1.769,40
    -1,20 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,2074
    +0,0033 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     
  • HANG SENG

    29.123,14
    +16,99 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,18
    -2,73 (-0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8624
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,1032
    +0,0023 (+0,21%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0013 (-0,09%)
     

Borsa Milano inizia la settimana poco mossa

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

In positivo nella prima parte, Piazza Affari nel corso del pomeriggio si è trovata a fare i conti con un avvio all’insegna della debolezza dei listini a stelle e strisce. Indicazioni positive sono arrivate dalla Cina, dove gli aggiornamenti relativi produzione industriale e vendite al dettaglio hanno evidenziato incrementi del 35,1 e del 33,8 per cento annuo. Nonostante si tratti di numeri da prendere con le pinze, a febbraio 2020 in Cina iniziava il lockdown, i numeri sono risultati migliori delle attese del mercato ed hanno contribuito all’intonazione positiva della prima parte.

Sul Ftse Mib, che ha terminato con un +0,11% portandosi a 24.139,45 punti, spiccano i rialzi registrati dalle azioni Terna e Leonardo, salite rispettivamente del 4,69 e del 4,17 per cento. Giornata in deciso territorio positivo anche per Stellantis (+2,13%) il cui prezzo, dopo la distribuzione del dividendo straordinario, è stato rettificato.

Gli analisti di Deutsche Bank hanno avviato la copertura con raccomandazione di acquisto ed un prezzo obiettivo a 20 euro; indicazioni in linea con quelle di JPMorgan che, nel confermare il “buy”, ha incrementato il target da 18 a 20 euro.

Debolezza per le azioni Enel (-0,9%), che ha lanciato un’offerta pubblica di acquisto volontaria parziale su Enel Américas, e Saipem (-0,49%) che ha chiuso l’esercizio 2020 con una perdita di 1.136 milioni di euro e annunciato che il Cda ha deliberato di non proporre la distribuzione di dividendi.

Giornata di forti vendite su Astaldi (-18,15%) dopo la definizione del concambio per l'integrazione in Webuild (+3,15%) con l'attribuzione ai soci Astaldi di 203 azioni ordinarie WeBuild ogni mille titoli posseduti.

Dal fronte obbligazionario, lo spread Italia-Germania si attesta a 94 punti base, un punto percentuale in più rispetto al dato precedente. (in collaborazione con money.it).