Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 2 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    38.996,39
    +47,37 (+0,12%)
     
  • Nasdaq

    16.091,92
    +144,18 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    39.938,55
    +772,36 (+1,97%)
     
  • EUR/USD

    1,0815
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • Bitcoin EUR

    56.782,51
    -505,67 (-0,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.564,58
    +53,14 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    5.096,27
    +26,51 (+0,52%)
     

Borsa Milano in leggero rialzo, Ftse Mib prosegue ascesa sopra 30.000 punti, corre Mps

Un uomo davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio positivo per Piazza Affari dove l'indice dei principali titoli Ftse Mib si mantiene sopra la soglia dei 30.000 superata con la chiusura di ieri e che non vedeva da giugno 2008, in un clima sereno su tutti i listini continentali.

Sembra dunque non arrestarsi l'ascesa dell'equity europeo che, di pari passo con i bond, è ancora sostenuto dalla convinzione che la stretta monetaria a livello globale sia giunta al termine e che potrà iniziare una discesa dei tassi.

Gli investitori si muovono comunque con cautela in attesa di nuove conferme che potranno giungere dagli aggiornamento macro.

Se sul fronte zona euro qualche indicazione utile potrà arrivare in mattinata dal dato sulle vendite al dettaglio, il focus di giornata è nel pomeriggio sul mercato del lavoro Usa con i numeridegli occupati dell'Adp, prima di quello più atteso dei non-farm payrolls di venerdì.

Alle 9,50 il Ftse Mib sale dello 0,32% a quota 30.180 punti.

Nell'indice principale svetta Mps in rialzo del 2,2% a fronte di un ben più modesto guadagno dello 0,2% dell'indice del comparto bancario italiano. Bene, sempre nel settore, Mediobanca a +1,8%.

Maire sale del 2,6% dopo l'annuncio sull'aggiudicazione, tramite Nextchem, di un contratto per fornire il process design package di un impianto per la produzione di sustainable aviation fuel (Saf) in Usa. La notizia, secondo Equita, ha implicazioni "marginalmente positive" a causa delle posizionamento industriale e geografiche del contratto.

In generale sono oggi trascurati gli energetici con qualche marginale debolezza su Italgas a -0,4% e Eni.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)