Annuncio pubblicitario
Italia Markets open in 4 hrs 37 mins
  • Dow Jones

    39.134,76
    +299,90 (+0,77%)
     
  • Nasdaq

    17.721,59
    -140,64 (-0,79%)
     
  • Nikkei 225

    38.649,14
    +16,12 (+0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,0716
    +0,0009 (+0,0857%)
     
  • BTC-EUR

    60.542,01
    -169,49 (-0,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.361,69
    -20,98 (-1,52%)
     
  • HANG SENG

    18.170,72
    -164,60 (-0,90%)
     
  • S&P 500

    5.473,17
    -13,86 (-0,25%)
     

Borsa Milano in lieve calo con pochi scambi in attesa Fed e Bce

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue fiacca nel pomeriggio, in linea con le altre borse europee e l'apertura piatta di Wall Street, in attesa delle decisioni e dei commenti della Fed questa sera e della Bce domani.

Intorno alle 16,30 il FTSE Mib cede lo 0,3%. Volumi molto contenuti per meno di 800 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

In assenza di temi forti e con gli investitori prudenti nell'assumere posizioni se non di piccolo cabotaggio, la volatilità è stata intensa, complici i volumi esigui.

Accelera nel finale DIASORIN con un rialzo di 2,5%, bene tra i difensivi anche AMPLIFON.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

In lieve rialzo le utility con TERNA e SNAM poco sotto +1%.

Tra i titoli energetici ENI perde più dell'1% nonostante il rialzo del greggio. Rbc ha abbassato il titolo a "sector perform" da "outperform", ipotizzando per il 2023 un mercato dell'energia ancora compresso.

In lieve calo l'indice delle banche, come le big UNICREDIT e INTESA SANPAOLO, mentre BANCA MONTE DEI PASCHI recupera il calo iniziale.

Perde l'1,3% STM tra tech europei particolarmente deboli.

Pesante IVECO (-2,2%) in un settore auto poco mosso.

Spunti al rialzo su JUVENTUS (+3%).

(Claudia Cristoferi, editing Andrea Mandalà)