Italia markets close in 47 minutes
  • FTSE MIB

    25.746,72
    +9,97 (+0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.252,35
    -46,98 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    14.103,69
    +30,83 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,34
    +0,22 (+0,31%)
     
  • BTC-EUR

    32.388,22
    -894,02 (-2,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    972,93
    -19,54 (-1,97%)
     
  • Oro

    1.860,40
    +4,00 (+0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,2130
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.244,51
    -2,08 (-0,05%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.149,51
    +5,99 (+0,14%)
     
  • EUR/GBP

    0,8594
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0909
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4759
    -0,0016 (-0,11%)
     

Borsa Milano in lieve rialzo, attesa dati, svettano Webuild e Nexi, giu' Autogrill

·2 minuto per la lettura
Una donna con un ombrello davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 9 giugno (Reuters) - Partenza in lieve rialzo a Piazza Affari, con gli investitori ancora cauti.

Il contesto globale dei mercati è sempre positivo, vicino ai massimi storici. Oggi agenda scarna sul fronte macro, in attesa dei dati cruciali sull'inflazione Usa domani che potrebbero influenzare il processo di graduale ritiro delle misure di stimolo della Fed.

Nello stesso giorno si riunisce anche il board della Bce.

Sul fronte delle materie prime, il Brent veleggia sui massimi da inizio 2020.

"E' un mercato tranquillo che difficilmente prenderà posizione in vista dei dati di domani", osserva un trader.

Tra i titoli in evidenza:

Bancari sugli scudi, con Banco Bpm in rialzo dell'1,1%; bene anche la big Unicredit (+1,2%) su cui influisce anche l'upgrade di Citigroup che ha portato la raccomandazione a "Buy" da "Neutral" con un prezzo obiettivo a 14,1 euro da 10,7 euro precedente. Resta al palo invece Intesa (-1,2%).

Prosegue il denaro anche oggi su Nexi, che balza del 2,2%, dopo che ieri Jefferies ha rivisto al rialzo il target price a 25 euro da 20 euro.

Ferrari (+0,3%) non reagisce alla nomina di Benedetto Vigna ad amministratore delegato. Vigna, che entrerà a far parte di Ferrari l'1 settembre, proviene da Stm (+0,5%).

Ben raccolta Webuild (+3,3%) dopo che Rete Ferroviaria Italiana ha assegnato a un consorzio guidato da Webuild la gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori del primo lotto del quadruplicamento della linea ferroviaria Fortezza – Verona, tratta 'Fortezza – Ponte Gardena'. Il valore economico dell'appalto supera 1,16 miliardi di euro. Secondo il broker Bestinver, "si tratta di una notizia positiva, ma attesa visto che a marzo la società aveva annunciato di essere stata dichiarata quale miglior offerente per questo importante progetto".

Al secondo giorno di quotazione, sempre ben raccolta The Italian Sea Group, operatore globale della nautica di lusso, che sale del 2,6%. Ieri, al debutto in Borsa, il titolo ha guadagnato oltre il 7%.

Infine, venduta Autogrill che cede l'1,4%, penalizzata dal prezzo di sottoscrizione fissato a 4,59 euro delle nuove azioni da emettere con l'aumento di capitale da 600 milioni di euro da chiudere entro giugno, con uno sconto del 27,9% sul Terp. "Il lancio dell'aumento di capitale era atteso in questi giorni. Tuttavia, alla luce dell'ammontare, pari a circa un terzo della capitalizzazione di mercato e a causa di arbitraggi fra diritti e azioni, il prezzo del titolo potrebbe essere sotto pressione al ribasso nelle prossime settimane", scrive Bestinver nel daily.

(Giancarlo Navach, in redazione Stefano Bernabei)