Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.717,09
    -260,99 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    11.393,81
    -227,90 (-1,96%)
     
  • Nikkei 225

    27.433,40
    +50,84 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0853
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    20.978,84
    -1.118,55 (-5,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    515,11
    -22,76 (-4,23%)
     
  • HANG SENG

    22.069,73
    -619,17 (-2,73%)
     
  • S&P 500

    4.017,77
    -52,79 (-1,30%)
     

Borsa Milano in lieve rialzo, ma pochi volumi, bene Prysmian, Stm, venduta Stellantis

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici in lieve rialzo a Piazza Affari in una seduta avara di spunti, inserita nel lungo ponte festivo.

"Oggi si fa veramente poco e le variazioni sono minime", osserva un trader.

A Wall Street i futures sono positivi in attesa del dato sui prezzi alla produzione Usa che potrebbero contribuire a far capire per quanto tempo la Fed continuerà nella politica di rialzo dei tassi per contenere l'inflazione.

Intorno alle 12,40 il FTSE Mib è in rialzo dello 0,17%. Volumi inferiori a 500 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Leonardo sale dello 0,2% dopo l'annuncio della partnership nel programma Gcap, Global Combat Air Programme, volto alla realizzazione di un sistema di sistemi di nuova generazione per operazioni multi-dominio, che sarà operativo dal 2035. Banca Akros nel daily sottolinea che la notizia era attesa e positiva.

Spunti su Prysmian che balza del 2% circa spinta dall'ok ai lavori dell'interconnessione elettrica sottomarina fra Italia e Tunisia da parte di Terna (+0,5%). Il broker Equita scrive nel daily che "Terna è tra i principali clienti di Prysmian. La notizia migliora la visibilità sulla pipeline di acquisizioni di nuovi ordini, già molto buona".

Ritracciano le società oil con Eni in calo dello 0,5% e Saipem dell'1,1%.

Volatile Saras che cede l'1,2% dopo il balzo di oltre il 5% in avvio sulla scia della valorizzazione della raffineria Isab e con il mercato che fa comparazioni con quella della famiglia Moratti in Sardegna. Il titolo è comunque in positivo dell'87% da inizio anno ed è quindi soggetto a fisiologiche prese di profitto.

Raccolta Stm in salita dell'1,7% sulla scia dei risultati di alcuni high-tech Usa positivi.

Fra le banche, Unicredit sale dello 0,6%, Intesa Sanpaolo fa +0,7% dopo che Citigroup ha inserito quest'ultima nella sua "Europe focus list". Giù anche oggi Mps in flessione dello 0,5%.

Venduto anche oggi il settore automotive, con Stellantis in flessione del 2,4% in un contesto settoriale europeo debole (-0,2% lo stoxx settoriale).

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)