Italia markets close in 1 hour 41 minutes
  • FTSE MIB

    25.761,94
    +25,19 (+0,10%)
     
  • Dow Jones

    34.256,25
    -43,08 (-0,13%)
     
  • Nasdaq

    14.109,77
    +36,91 (+0,26%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • Petrolio

    72,31
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    32.329,08
    -1.111,58 (-3,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    972,19
    -20,28 (-2,04%)
     
  • Oro

    1.859,80
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,2117
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.244,94
    -1,65 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.152,19
    +8,67 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8585
    -0,0027 (-0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0899
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4764
    -0,0011 (-0,07%)
     

Borsa Milano in lieve rialzo, molto forti Cattolica e Mps, bene anche Leonardo

·3 minuto per la lettura
Una donna con un ombrello davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 28 maggio (Reuters) - Indici in leggero rialzo a Piazza Affari in un contesto globale dei mercati sempre molto positivo con le borse europee che viaggiano sui massimi storici.

I'indice delle principali blue chip, il FTSE Mib, si mantiene sopra il livello psicologico di 25.000 punti raggiunto in chiusura ieri per la prima volta dal 20 febbraio 2020.

E c'è attesa anche per l'avvio dei mercati Usa previsti in rialzo dopo che il New York Times ha scritto che il presidente Joe Biden dovrebbe proporre oggi una manovra economica da 6.000 miliardi di dollari per l'anno fiscale 2022, che va ad aggiungersi al massiccio stimolo già introdotto.

Stabile lo spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi poco sotto i 107 punti base.

Tra i titoli in evidenza:

Bancari e finanziari al centro dell'interesse degli investitori anche oggi, con la stampa che torna sempre sul tema del risiko: a parte Bper che cede l'1,5% e Banco Bpm in calo dello 0,8%, strappa Mps che sale del 6,7%, ma con punte oltre il +8%. Il mercato apprezza il ritorno delle indiscrezioni legate a un possibile spezzatino della rete del gruppo bancario, per favorire la vendita da parte del Tesoro. L'ipotesi è stata rispolverata oggi da un quotidiano che vedrebbe come candidati oltre a Unicredit (+0,3%), anche Bper e POSTE ITALIANE (+0,6%). Secondo gli analisti di Intesa Sanpaolo, "il break-up può rendere più appetibile l'integrazione di Mps, riducendone il volume degli asset da rilevare e risolvendo alcuni temi legati all'antitrust".

Protagonista della seduta odierna Cattolica, in rialzo di oltre l'11%, in scia dei risultati resi noti stamani del primo trimestre chiuso con un utile netto di 45 milioni di euro, più che triplicato rispetto all'anno precedente, beneficiando della crescita della raccolta e della redditività nel ramo Danni. Gli analisti di Intesa Sanpaolo si attendevano un netto di 43 milioni prima delle minorities.

Sul fronte dei ribassi, ritraccia Diasorin con un calo dello 0,8% dopo il balzo delle ultime sedute.

Al palo anche Tim in flessione dell'1%, sottoperformando il comparto tlc europeo che sale dello 0,3%.

Continua il momento positivo di Leonardo con un balzo dell'1,6% sulla scia dell'accordo con Maire Tecnimont e anche a seguito dell'annuncio che Airbus tornerà ai livelli di produzione pre-Covid nei prossimi due anni. Secondo Bestinver, "si tratta di una notizia positiva che dovrebbe beneficiare del ritorno alla normale attività del segmento dell'aeronautica civile".

Infine, continua la corsa delle azioni di As Roma, +3,7% a nuovi massimi da agosto 2020, in un canale rialzista partito con l'annuncio dell'arrivo di José Mourinho come allenatore e proseguito sulle attese del calciomercato per la prossima stagione.

Spunti anche su Ovs(+5,1%) sulla scia del deposito di informazioni integrative allegate all'assemblea odierna sul piano 2021-23 con attese di un forte rimbalzo delle vendite post-pandemia quest'anno, come sottolinea un broker.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)