Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.033,67
    -265,66 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    14.039,68
    -33,17 (-0,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,2000
    -0,0132 (-1,09%)
     
  • BTC-EUR

    32.132,54
    -1.409,32 (-4,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    956,64
    -35,83 (-3,61%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • S&P 500

    4.223,70
    -22,89 (-0,54%)
     

Borsa Milano in mini-rally dopo calo ieri, bene banche

·1 minuto per la lettura
Una donna davanti la borsa di Milano

MILANO, 20 maggio (Reuters) - Piazza Affari, in linea con il mercato azionario continentale, prova a rimbalzare dopo il violento storno di ieri quando le borse sono state affossate dai timori legati alla ripresa dell'inflazione e alla caduta delle criptovalute.

Gli investitori rimangono sempre in apprensione per le forti oscillazioni evidenziate recentemente dai mercati, che segnalano una rapida riallocazione dei portafogli in atto. Con mercati sempre a ridosso dei massimi, l'attenzione è alta per scorgere segnali di un eventuale cambiamento del trend.

Sul fronte macro Usa, dalle minute della Fed sul meeting di fine aprile pubblicate ieri sera, e particolarmente attese dal mercato, è emerso che un certo numero di esponenti della banca centrale sembra pronto a prendere in considerazione il 'tapering' di fronte a una ripresa forte dell'economia.

Nel frattempo, tuttavia, sono intervenuti dati sul lavoro deludenti, che potrebbero avere modificato questa visione.

Tra i titoli in evidenza:

I bancari sono positivi e offrono un notevole sostegno al rimbalzo di tutto il listino milanese. Tra i più gettonati in avvio, Unicredit, che sale del 1% con Credit Suisse che ha rivisto al rialzo il target price a 12,5 da 11,8 euro. Bene anche Finecobank (+1,7%) mentre in controtendenza ritracciano Banco Bpm (-0,7%) e Bper (-0,6%)

Telecom Italia (+0,4%) poco mossa dopo un avvio più tonico, all'indomani dei risultati trimestrali. In generale, secondo gli analisti, i conti del gruppo tlc indicano una stabilizzazione del business con margini di miglioramento attesi nel corso dell'anno.

Sempre sul listino principale, in calo i petroliferi con Eni in discesa dello 0,5%

(Andrea Mandalà, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)