Italia markets open in 18 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1942
    +0,0023 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    14.818,33
    -269,24 (-1,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    343,98
    -26,53 (-7,16%)
     
  • HANG SENG

    26.776,13
    +106,38 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Borsa Milano parte forte su attese vittoria Biden, strappa Tenaris, piatta UniCredit

·2 minuto per la lettura
L'edificio della Borsa di Milano nel centro di Milano
L'edificio della Borsa di Milano nel centro di Milano

MILANO, 5 novembre (Reuters) - Prosegue il rally a Piazza Affari e sulle altre piazze europee in attesa del conteggio finale dei voti per le elezioni presidenziali Usa, con Joe Biden a un passo dalla vittoria, ma con una forte probabilità di un Congresso diviso.

"I mercati scontano la vittoria di Biden, mentre il tema del Covid e dell'impatto delle nuove restrizioni sull'economia è messo da parte", osserva un trader.

Debole il prezzo del greggio, che si è riportato sotto i 41 dollari al barile a causa delle incertezze per l'esito delle elezioni Usa.

A Piazza Affari, inoltre, oggi sono stati diffusi i risultati di diverse big che stanno condizionando i corsi dei titoli.

Generalmente forti le banche, con Intesa Sanpaolo che prosegue la corsa di ieri e sale del 2,34% dopo che l'istituto ha superato con i conti del terzo trimestre l'obiettivo minimo di utile netto per l'intero 2020 e confermato una elevata patrimonializzazione con un Cet1 pro forma a regime al 15,2%. Piatta, invece, Unicredit dopo i risultati del trimestre stamani. Fa decisamente meglio Bper, in salita dell'1,5% dopo i conti annunciati ieri.

Strappa nel settore oil Tenaris, sospesa per eccesso di rialzo in avvio. Il titolo balza del 10% circa in scia ai risultati del terzo trimestre migliori delle attese seppur con una flessione del 43% dei ricavi e una perdita operativa di gruppo di 70 milioni di dollari. Il broker Jefferies si attende per la oil service italo-argentina una "graduale ripresa nei ricavi e nei margini nel quarto trimestre 2020 e nel 2021".

Ben raccolto il settore high tech sulle attese di un avvio forte del Nasdaq che si avvantaggia del fatto che il Senato Usa dovrebbe restare a maggioranza repubblicana e questo riduce i rischi regolatori e di misure antitrust per i grandi giganti del web. STM balza del 3,6% anche in scia delle stime di Qualcomm ieri che prevede un primo trimestre fiscale forte sul fronte dei ricavi sopra le attese di Wall Street a seguito dell'incremento delle vendite di chip per i modelli di iPhone 5G di Apple.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)