Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.429,41
    -147,10 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    33.800,60
    +297,03 (+0,89%)
     
  • Nasdaq

    13.900,19
    +70,88 (+0,51%)
     
  • Nikkei 225

    29.768,06
    +59,08 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    59,34
    -0,26 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    50.076,82
    -1.150,83 (-2,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.235,89
    +8,34 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.744,10
    -14,10 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,1905
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    4.128,80
    +31,63 (+0,77%)
     
  • HANG SENG

    28.698,80
    -309,27 (-1,07%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.978,84
    +1,01 (+0,03%)
     
  • EUR/GBP

    0,8682
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0997
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    -0,0055 (-0,36%)
     

Borsa Milano parte poco mossa, Ftse Mib chiude trimestre a +11%, realizzi su Autogrill

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 1 aprile (Reuters) - Avvio sempre impostato alla cautela e indici inchiodati in un trading range stretto che va avanti oramai da diverse sedute a Piazza Affari. Oggi ultima giornata di Borsa della settimana in vista del lungo ponte pasquale che inizia domani e proseguirà fino a lunedì incluso. E' possibile che molti investitori tendano a chiudere le posizioni oggi, portando a casa un po' di profitti sui titoli con le performance maggiori.

A chiusura del primo trimestre di contrattazioni, ieri, l'indice Ftse Mib delle principali blue chip italiane ha registrato un balzo che sfiora l'11%.

Sull'obbligazionario andamento stabile per lo spread del rendimento tra titoli di Stato decennali italiani e tedeschi, intorno ai 97 punti base.

Tra i titoli in evidenza:

Realizzi su Autogrill che cede il 4% circa dopo un avvio in salita di oltre l'1% sull'annuncio ieri a mercati chiusi dell'accordo per cedere le attività autostradali statunitensi a un prezzo di 375 milioni di dollari. Nelle ultime sei sedute il titolo ha guadagnato oltre il 17% con il mercato che si stava riposizionando sulla società di ristorazione in vista delle riaperture e anche sulle attese di possibili alleanze con altri gruppi del settore.

Prosegue debole Pirelli (-0,4%), dopo che ieri ha lasciato sul terreno il 4% circa in scia alla presentazione del piano industriale pluriennale a causa essenzialmente di prese di profitto.

In luce Stm che balza dell'1% e segue l'andamento positivo del Nasdaq a New York.

Volatile Tim, partita sostenuta come da diverse sedute, si è poi girata in negativo e cede il 2% circa, anche in questo caso a seguito di prese di beneficio.

Rimbalzano le banche, vendute ieri, con Unicredit e Intesa Sanpaolo in rialzo fra lo 0,7% e lo 04%. Bper sale dello 0,5%.

La risalita del prezzo del petrolio sostiene il settore con le oil service, come Saipem, Maire Tecnimont e Tenaris, in crescita di poco sopra l'1%.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)