Italia markets open in 7 hours 19 minutes
  • Dow Jones

    33.336,67
    +27,16 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    12.779,91
    -74,89 (-0,58%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0322
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • BTC-EUR

    23.171,15
    -169,60 (-0,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,13
    -1,61 (-0,28%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.207,27
    -2,97 (-0,07%)
     

Borsa Milano, piazza Affari poco mossa, verso chiusura anno a +23%

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari poco mossa nell'ultima seduta dell'anno, che si avvia a chiudere con un rialzo del 23% rispetto a fine dicembre 2020.

Gli scambi sono molto contenuti, tipici del periodo festivo. I volumi, intorno alle 1230, non superano i 400 milioni di euro.

Gli occhi degli investitori restano puntati sulla diffusione di Omicron e sulle misure intraprese per frenare l'aumento dei contagi, mentre il numero dei positivi al Covid segna nuovi record.

Ieri il consiglio dei ministri ha varato nuove misure per contenere il recente balzo record dei contagi. E' stata inoltre eliminata la quarantena a seguito di contatto stretto con un positivo per coloro che hanno fatto tre dosi o due dosi da meno di quattro mesi, per evitare che di fatto molti settori produttivi si blocchino per mancanza di personale.

A Wall Street i futures sui principali indici sono poco mossi.

Intorno alle 12,25 l'indice FTSE Mib segna +0,06%.

Tra i titoli in evidenza:

Popolare Sondrio cede l'1,85% a 3,7080 euro per azione all'indomani del via libera dell'assemblea degli azionisti alla trasformazione in SpA. Il titolo scende così sotto il prezzo di liquidazione delle azioni oggetto di recesso fissato a 3,7548 euro.

Mfe cede l'1,59%, peggior titolo del listino principale.

Juventus lascia sul terreno lo 0,94%. Il consiglio dei ministri di ieri ha previsto che siano ridotte al 50% le capienze per stadi e impianti sportivi all'aperto.

Relatech sale dell'8,63% dopo aver annunciato la firma di un accordo vincolante per l'acquisizione del 81,66% di E.F.A. AUTOMAZIONE. La restante quota sarà acquisita in una seconda fase attraverso specifici meccanismi di put e call.

Esi avanza del 6,65% sulla scia della firma di un accordo quadro con Enel Green Power per realizzare impianti fotovoltaici in Italia per un totale di 14,43 milioni di euro.

(Elisa Anzolin, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli