Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 2 hrs 47 mins
  • FTSE MIB

    34.629,99
    +169,47 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,18
    +0,61 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    64.375,18
    +95,42 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.516,29
    +13,63 (+0,91%)
     
  • Oro

    2.366,40
    -26,50 (-1,11%)
     
  • EUR/USD

    1,0853
    +0,0026 (+0,2388%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.059,77
    +34,60 (+0,69%)
     
  • EUR/GBP

    0,8521
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9909
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4829
    +0,0013 (+0,09%)
     

Borsa Milano poco mossa, bene Nexi e Prysmian, giù Bper, affonda Fincantieri

Un uomo davanti alla borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue la seduta senza una direzione chiara, fatti salvi singoli spunti societari, tra borse europee anch'esse in pausa dopo il recente rally e futures Usa in frazionale rialzo in attesa di nuovi dati settimanali sul mercato del lavoro.

Intorno alle 12,45 l'indice Ftse Mib cede lo 0,1%, volumi intorno a 920 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Nexi resta la stella della seduta con un rialzo di circa il 6% dopo la trimestrale e l'avvio del buyback, che hanno risvegliato l'interesse degli investitori dopo aver fatto peggio del mercato per molto tempo.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Conti e guidance spingono anche Prysmian (+2,6%); Mediobanca Securites parla di Ebitda superiore dell'8% al consensus.

Pesante Bper (-4%) che ha annunciato dati del trimestre che non sono riusciti a entusiasmare il mercato dopo che ieri il titolo ha toccato un massimo dal 2015.

Fuori dal tema trimestrali, affonda Fincantieri (-9%) sulla notizia che farà un aumento di capitale fino a 500 milioni per rilevare da Leonardo (-1,3% dopo il rialzo di ieri) la controllata Wass ad un prezzo di 250-300 milioni.

(Claudia Cristoferi, editing Stefano Bernabei)