Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.415,35
    -1.256,86 (-2,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Borsa Milano positiva in avvio, brilla Banco Bpm, in calo Cnh

·1 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari inizia la seduta in rialzo, in compagnia delle altre borse europee dopo la buona chiusura dei mercati asiatici.

Bene il settore energetico e le banche con gli investitori concentrati da un lato sull'avvio della stagione delle trimestrali e dall'altro sui timori di incremento dell'inflazione e rallentamento dell'economia.

Intorno alle 9,50 l'indice FTSE Mib segna un rialzo dello 0,5%.

Tra i titoli in evidenza:

Svetta Banco Bpm tra bancari per lo più positivi in Italia e in Europa. Il titolo sale di oltre 2% a 2,76 euro grazie all'avvio di copertura con "buy" da parte di Jefferies, che ha indicato un target price di 3,5 euro.

Positiva anche Bper, (+1,1%), che Jefferies ha iniziato a coprire con "hold".

Tra le altre banche, sale Unicredit (+0,6%), su cui Morgan Stanley ha alzato il target a 13,8 da 13 euro. Il titolo tratta ora a 11,7 euro. Piatta Carige.

Bene il settore energia come nel resto d'Europa, con Eni +1%, mentre il prezzo del greggio prosegue la sua salita.

Tonica Stellantis a +1,4%, seguita a ruota da Ferrari, mentre è negativa CNH (-0,5%) che ha annunciato la chiusura temporanea di diversi siti produttivi in Europa a causa della carenza di componenti chiave, soprattutto di semiconduttori.

Sale per contro Stm con tutti i tech europei dopo gli ottimi risultati trimestrali del produttore di chip taiwanese Tsmc grazie al boom della domanda di semiconduttori.

(Claudia Cristoferi, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli