Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    50.888,82
    -1.035,94 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borsa Milano positiva con WS, corrono Tenaris, Tim, ritraccia editoria tranne Il Fatto

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 26 marzo (Reuters) - Chiusura di settimana con il segno positivo a Piazza Affari, grazie anche all'andamento sostenuto degli indici a Wall Street sulla scia del balzo di tecnologici e finanziari con gli investitori che tornano a scommettere su una rapida ripresa dell'economia Usa post pandemia.

Torna a salire il prezzo del petrolio sui timori che ci vorranno settimane prima che si riesca a disincagliare la gigantesca nave cargo arenata che ostruisce il canale di Suez, bloccando il passaggio con una conseguente riduzione delle forniture di greggio e di prodotti raffinati.

Intorno ai 96 punti base lo spread fra il rendimento dei titoli di stato decennali italiani e tedeschi.

Tra i titoli in evidenza:

Energetici in rialzo sulla scia dell'aumento dei prezzi delle materie prime. In evidenza soprattutto Maire Tecnimont che balza del 2,9% e Tenaris (+3,66%). Seguono Eni (+1,4%) e Saipem (+1,5%).

Ben raccolta anche D'Amico (+5,7%), società attiva nelle petroliere per il trasporto del greggio.

Molto tonica Telecom (+3,5), che ha esteso il rialzo nel pomeriggio dopo che la piattaforma in streaming Dazn si è aggiudicata i diritti per la trasmissione delle partite del campionato di Serie A per le prossime tre stagioni, secondo alcune fonti. Tim ha chiuso un accordo di partnership tecnico-distributiva con Dazn. E in base a questo accordo Tim garantirà il pagamento di oltre il 40% di quanto dovuto da Dazn alla Serie A, secondo un documento visionato da Reuters.

In denaro Stm (+2,45%) che risente del balzo dell'high tech oltreoceano.

Fra le utility Iren rallenta dai massimi e registra un rialzo del 2,4% dopo i risultati 2020 leggermente sopra le attese e una solida guidance per l'anno in corso, come sottolineano i broker.

Banche trascurate con le big Intesa Sanpaolo e Unicredit piatte, mentre Bper cede lo 0,6% dopo la recente corsa legata a speculazioni sull'M&A.

Ritracciano in generale gli editoriali, con Mediaset in flessione del 2%, Class Editori del 4,7% e Monrif del 4,6%. Prosegue invece forte per il terzo giorno consecutivo Società editoriale il fatto in rialzo del 3,7% dopo l'accordo con Google sulle notizie.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)