Italia Markets open in 3 hrs 13 mins
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,28 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,37 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.821,57
    +34,03 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,2083
    +0,0004 (+0,0362%)
     
  • BTC-EUR

    15.278,76
    -209,38 (-1,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    362,71
    -17,15 (-4,52%)
     
  • HANG SENG

    26.548,78
    -18,90 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Borsa Milano prosegue forte su trimestrali, attese vittoria Biden, strappa Tenaris

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano
Una donna davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 5 novembre (Reuters) - Gli indici si muovono sui massimi di seduta a Piazza Affari grazie a un mix di risultati societari migliori delle stime e all'attesa del conteggio finale dei voti per le elezioni presidenziali Usa, con Joe Biden che vede la vittoria, ma con una forte probabilità di un Congresso diviso.

"I mercati scontano la vittoria di Biden, mentre il tema del Covid e dell'impatto delle nuove restrizioni sull'economia è messo da parte", osserva un trader.

Debole il prezzo del greggio, che si è riportato intorno ai 41 dollari al barile a causa delle incertezze per l'esito delle elezioni Usa.

Generalmente forti le banche, con Intesa Sanpaolo che prosegue la corsa di ieri e sale del 2,2% dopo che l'istituto ha superato con i conti del terzo trimestre l'obiettivo minimo di utile netto per l'intero 2020 e confermato una elevata patrimonializzazione con un Cet1 pro forma a regime al 15,2%. Più contenuto, invece, il rialzo di Unicredit (+0,4%) dopo i risultati del trimestre stamani, "migliore dele attese grazie a trading e costo del credito", sottolinea il broker Equita. Bper guadagna l'1% dopo i conti annunciati ieri, anche in questo caso sopra le attese.

Scatto per Tenaris, in progressione del 12,7% dopo i risultati del terzo trimestre decisamente superiori alle attese e l'annuncio a sorpresa della cedola interim.

Ben raccolto il settore high tech sulle attese di un avvio forte del Nasdaq che si avvantaggia del fatto che il Senato Usa dovrebbe restare a maggioranza repubblicana e questo riduce i rischi regolatori e di misure antitrust per i grandi giganti del web. Stm balza del 3,3% anche in scia delle stime di Qualcomm ieri che prevede un primo trimestre fiscale forte sul fronte dei ricavi sopra le attese di Wall Street a seguito dell'incremento delle vendite di chip per i modelli di iPhone 5G di Apple.

Sugli scudi anche Atlantia in crescita del 3% nonostante gli ultimi dati sul traffico austostradale con una flessione su base annua del traffico sulla rete di Autostrade per l'Italia pari al 27% nella settimana che si è chiusa l'1 novembre e in quella francese del 26,9% nel periodo.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)