Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.222,39
    -871,38 (-1,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borsa Milano prosegue in rialzo, CNH tonica, deboli le utilities

·1 minuto per la lettura
L'edificio della Borsa di Milano

MILANO, 29 marzo (Reuters) - A metà seduta Piazza Affari prosegue in rialzo, in sintonia con le altre borse europee, mentre tra gli investitori torna l'appetito per il rischio dopo i timori sollevati dal default dell'hedge fund Archegos.

A sostenere il buon andamento della borsa italiana e di quelle europee anche le speranze di una ripresa economica spinta dall'avanzamento della campagna vaccinale.

Tra i titoli in evidenza:

Recupera il comparto bancario dopo il calo di ieri sulla scia di Nomura e Credit Suisse, che avevano messo in guardia su perdite significative dopo il default di Archegos Capital. In luce soprattutto UNICREDIT e BANCO BPM con rialzi intorno all'1,5%. Fuori dal FTSE Mib corre POP SONDRIO, segnando +4,9%.

Creval in rialzo dell'1,1% a 12,256 euro nel primo giorno dell'Opa di Credit Agricole Italia, sempre più distante dal prezzo proposto di 10,5 euro.

Cnh Industrial avanza del 2,7% sulle indiscrezioni che la cinese FAW sta andando avanti con i preparativi per un'offerta su Iveco, riportando l'attenzione sul deal. A inizio gennaio Cnh aveva confermato di aver riavviato le trattative per vendere la maggioranza di Iveco al gruppo automobilistico cinese.

Tonica Moncler (+2,7%), aiutata dalla promozione di Deutsche Bank a 'buy' da 'hold' con target price a 55 da 52 euro. UBS ha invece tagliato il prezzo obiettivo a 50 da 51 invece.

Restano indietro le utilities, in fondo al listino principale. Perdono oltre l'1% Enel, Terna, Italgas.

Carraro avanza dello 0,8% a 2,43 euro, leggermente sopra il prezzo d'Opa di 2,4 euro annunciata nel fine settimana da parte della famiglia Carraro con l'obiettivo di delistare il titolo da Piazza Affari.

(Giancarlo Navach, in redazione a Roma Stefano Bernabei)