Italia markets close in 5 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    24.391,43
    -49,45 (-0,20%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,03
    +1,79 (+2,32%)
     
  • BTC-EUR

    15.919,92
    +169,04 (+1,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,21
    +9,92 (+2,61%)
     
  • Oro

    1.768,30
    +13,00 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0377
    +0,0032 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.940,11
    +4,60 (+0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8644
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9848
    +0,0035 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,3953
    +0,0004 (+0,03%)
     

Borsa Milano ritraccia dopo rally in attesa Wall Street, giù Nexi, forte Saipem

Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue in modesto ribasso, leggermente peggio delle altre borse europee, in una seduta interlocutoria guidata dalla prudenza degli investitori dopo il lungo rally di sette sedute consecutive di rialzi.

Il mercato rimane cauto con il focus sempre rivolto sulle mosse delle banche centrali, in un contesto di generale ottimismo sul rallentamento del ritmo dei rialzo dei tassi da parte della Fed e sui recenti toni 'dovish' di alcuni esponenti della Bce.

Le speranze che i tassi di inflazione si riducano presto ha sostenuto il sentiment degli investitori tedeschi con l'indice Zew salito a novembre a -36,7, da -59,2.

Nonostante gli spunti di ottimismo gli investitori preferiscono rimanere prudenti e attendere, per la giornata odierna, le indicazioni che arriveranno da Wall Street i cui futures indicano un avvio positivo.

"Mi aspetto un miglioramento nel pomeriggio anche a Piazza Affari", sostiene un trader.

Intorno alle 12,46 il FTSE Mib cede lo 0,37%. Volumi poco sopra gli 800 milioni di euro

Tra i titoli in evidenza:

Crolla come atteso NEXI (-10,8%) che si allinea al prezzo di 8,7 euro al quale Intesa Sanpaolo ha ceduto il proprio pacchetto del 5,1% del capitale.

Debole INTESA SANPAOLO, in calo dell'1%. Per gli analisti la vendita della quota, per un incasso complessivo di circa 584 milioni, non dovrebbe avere impatti sui conti della banca, con un beneficio invece sul capitale grazie all'equivalente riduzione degli Rwa. "La vendita potrebbe rientrare, a nostro avviso, tra le azioni recentemente indicate dal management per compensare gli headwinds regolamentari attesi entro il primo trimestre 2023 (circa 45bps)", dice Equita.

Tra bancari generalmente fiacchi, spicca in controtendenza POP SONDRIO in rialzo del 3,6% sotto i massimi di inizio seduta, in scia alla promozione di Jefferies a 'buy' da 'hold'. Bene anche BANCO BPM, che sale dell'1,4%, mentre gli analisti di Intesa Sanpaolo hanno rialzato il target price a 4 euro da 3,5 dopo i risultati del trimestre sopra le attese e il miglioramento della guidance dell'istituto. Anche Jefferies ha ritoccato al rialzo il target price sul gruppo lombardo (a 4,90 da 4,20 euro), cosi come su BPER (a 3,80 da 3,40 euro), sul listino in progresso dello 0,5%.

MPS cede l'1,7% dopo le indiscrezioni dell'FT secondo cui Axa sta negoziando un nuovo accordo di bancassurance che, secondo Intesa Sanpaolo, "potrebbe ridurre l'appeal" di una potenziale operazione M&A.

TELECOM ITALIA perde l'1,8% in un contesto di debolezza per il settore tlc europeo, dopo che Vodafone ha ridotto le proprie stime a causa del peggioramento del clima macroeconomico globale e dell'aumento dei costi energetici. Sul gruppo italiano rimane l'incertezza sul percorso migliore per arrivare all'obiettivo della rete unica, priorità ribadita anche dal governo.

Sul fronte opposto SAIPEM balza del 3% sostenuta dalla notizia sull'aggiudicazione di nuovi contratti in Medio Oriente e in Africa Occidentale, per un valore complessivo di circa 800 milioni di dollari. "La notizia è positiva. I contratti migliorano la visibilità della divisione drilling offshore nel 2023-25", commenta Equita.

Positiva anche TENARIS (+2%), insieme a PRYSMIAN che avanza dell'1,4%. Ben comprata LEONARDO in rialzo di oltre due punti percentuali.

(Andrea Mandalà, editing Sabina Suzzi)