Italia markets close in 4 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    26.361,11
    +92,49 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    83,49
    +1,05 (+1,27%)
     
  • BTC-EUR

    53.311,18
    +253,71 (+0,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.450,70
    -0,94 (-0,06%)
     
  • Oro

    1.777,20
    +11,50 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,1665
    +0,0046 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    25.787,21
    +377,46 (+1,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.165,00
    +13,60 (+0,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8434
    -0,0022 (-0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0716
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4372
    +0,0007 (+0,05%)
     

Borsa Milano scaccia le vendite, Ftse Mib riaggancia quota 24mila

·1 minuto per la lettura

Rimbalza in avvio di scambi Piazza Affari, dopo un avvio di settimana all'insegna delle vendite per il riemergere di timori per la ripresa economica, di fronte alla diffusione del coronavirus. A Milano, l'indice Ftse Mib sale di quasi l'1% a 24.198 punti dopo la chiusura di ieri a quota 23.965,92 punti (-3,33%). Tra i singoli titoli in evidenza sin dalle prime battute il comparto finanziario che ieri ha subito le maggiori perdite: bene quindi Poste Italiane che sale di oltre il 2% ma anche Unipol e Intesa Sanpaolo che avanzano rispettivamente dell'1,7% circa e dell'1,5 per cento. Una sponda positiva arriva dai conti della svizzera Ubs che ha riportato utili netti per un valore di $2 miliardi, nel corso del secondo trimestre dell'anno, battendo in modo significato gli $1,34 miliardi attesi dal consensus e superando gli $1,23 miliardi riportati nello stesso trimestre del 2020, con un incremento pari a +63%. Si scrolla di dosso le vendite di ieri anche Saipem che oggi viaggia in rialzo di circa l'1,86 per cento. Intanto sul'Aim Italia si mette in luce anche Officina Stellare, con un rialzo di oltre il 2% a 15,9 euro. La società ha annunciato di avere firmato un ampio accordo di cooperazione industriale con Thales Alenia Space Italia. L'accordo mira a mettere a frutto da un lato le capacità sistemistiche, produttive e tecnologiche di Thales Alenia Space, joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%, con le competenze tecniche e capacità produttive sviluppate da Officina Stellare nell'ambito dei sistemi ottici spaziali nonché il suo interesse a consolidare la propria posizione nel mercato dei terminali ottici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli