Italia markets open in 3 hours 2 minutes
  • Dow Jones

    34.869,37
    +71,37 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    14.969,97
    -77,73 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    30.138,46
    -101,60 (-0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1697
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    36.420,79
    -1.487,46 (-3,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.054,90
    -46,62 (-4,23%)
     
  • HANG SENG

    24.583,24
    +374,46 (+1,55%)
     
  • S&P 500

    4.443,11
    -12,37 (-0,28%)
     

Borsa Milano si rafforza su massimi seduta, vola Safilo, bene Pirelli, oil

·2 minuto per la lettura
Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue tonica nella prima seduta della settimana. I mercati recuperano posizioni dopo i realizzi della scorsa settimana.

"Oggi ci sono un po' di temi. Per il momento si tratta di un rimbalzo generalizzato", osserva un trader.

Sui mercati c'è attesa per diversi dati macro in arrivo dalla Cina mercoledì che gli analisti temono possano confermare un ulteriore rallentamento nella seconda più grande economia mondiale.

Intorno alle 12,50 l'indice FTSE Mib avanza dell'1,25%, sui massimi di seduta. Volumi contenuti, non superano i 900 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Denaro diffuso un po' su tutto il listino, toniche Generali e Mediobanca rispettivamente in rialzo dell'1,5% e dell'1,6% dopo l'annuncio che Leonardo Del Vecchio e Francesco Gaetano Caltagirone hanno stretto un patto in vista del rinnovo del board della compagnia triestina, che impegna i due investitori a consultarsi prima del voto. "Si stanno delineando gli scenari in vista del nuovo Cda nel 2022, ma è ancora presto per capire quello che succederà", osserva un trader. Il broker Equita scrive nel daily che "il quadro speculativo per i titoli Generali e Mediobanca resta abbastanza vivace, ma dipenderà da che tipo di scenario sulla governance andrà a concretizzarsi".

Sul resto delle banche, passa in positivo Unicredit (+0,65%), meglio Intesa Sanpaolo con un balzo dell'1,7%.

Sempre ben raccolto il risparmio gestito con Banca Generali in crescita del 2,7%, Azimut dell'1,6%.

Effetto Chiara Ferragni su Safilo. Il titolo di occhialeria dimezza il balzo della prima parte della seduta, mantenendo comunque una crescita del 6,3%, dopo l'annuncio di un nuovo accordo pluriennale per il design, la produzione e la distribuzione della prima collezione eyewear in licenza a marchio Chiara Ferragni. "Dopo Tod's il mercato si è abituato che ogni accordo che riguardi Ferragni è un tema positivo e si corre a comprare", dice un broker.

Sul fronte opposto scivola Tod's che cede il 6% dopo il balzo delle scorsa settimana post semestrale.

Fra gli industriali denaro su Pirelli che cresce del 3% dopo il dato sull'andamento del mercato degli pneumatici per auto a luglio e il trend che si sta normalizzando.

Il balzo del Brent fa bene al comparto oil con Saipem in salita del 2,6%, Eni del 2,1%.

Retelit si adegua al nuovo prezzo d'opa di 3 euro e sale del 5,4% a 3,04 euro.

Infine, fra i minori male Giglio che flette del 6% dopo i risultati e dopo che Midcap Partners ha tagliato il prezzo obiettivo a 3,5 euro da 3,7 euro precedente, con raccomandazione che resta "buy".

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli