Italia markets open in 8 hours 38 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    -0,0024 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    26.837,70
    -652,03 (-2,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    653,79
    -23,11 (-3,41%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Borsa: Milano sopra la parità, Pirelli mette il turbo

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

L’esito della riunione della Federal Reserve, che ha allungato il piano di allentamento quantitativo, l’attesa per l’avvio del piano di vaccinazioni in Europa (che inizierà il 27 dicembre) e per nuovi stimoli fiscali negli Stati Uniti hanno permesso ai listini europei di chiudere con il segno più.

Sul listino milanese, dove il Ftse Mib ha chiuso a 22.012,07 punti (+0,12%), spicca l’andamento delle aziende di pubblica utilità: Hera ha chiuso con un +1,98%, A2A è salita del 2,07%, Terna ha guadagnato l’1,21% ed Enel ha messo a segno un +0,14%.

Top performer del paniere delle blue chip milanese sono le azioni Pirelli che, grazie ad un rialzo del 4,67%, hanno chiuso del gap dello scorso 24 febbraio. Seduta positiva anche per Fiat Chrysler (+0,63%) dopo che l’Acea ha diffuso i dati relativi le immatricolazioni in Europa: a fronte di un -12% del mercato, FCA ha segnato un -2,6%.

Tonfo per Fincantieri (-6,29%): secondo l’agenzia Bloomberg la società potrebbe ricorrere ad operazioni straordinarie, tra cui un possibile aumento di capitale da 1,5 miliardi.

Poco mosse le banche: Intesa Sanpaolo, UniCredit e Banco BPM hanno rispettivamente terminato con un +0,07%, con un -0,19% e con un +0,42%. Meno 0,85% del Credito Valtellinese in scia delle dichiarazioni rese da Giampiero Maioli, numero uno del Credit Agricole in Italia (che ha lanciato un’offerta sul Creval). Il manager valuta l’offerta “adeguata” e di conseguenza non c’è l’intenzione di “rivedere il prezzo, che crediamo rifletta gli aspetti della banca e del contesto attuale”.

Sul mercato dei titoli di Stato, lo spread Italia-Germania ha fatto segnato un rialzo dell’1,3% a 108 punti base. (In collaborazione con money.it)