Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.852,21
    +1.170,09 (+2,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Borsa Milano tonica con Europa dopo giuramento Draghi, corrono titoli oil con greggio

·2 minuto per la lettura
L'edificio della Borsa di Milano

MILANO, 12 febbraio (Reuters) - Piazza Affari è sempre tonica in linea con gli altri mercati europei in un clima complessivo di buona propensione al rischio sui mercati finanziari globali.

Oggi i mercati non avranno il faro di Wall Street chiusa per la festività del Presidents day.

Il giuramento sabato del nuovo governo italiano guidato da Mario Draghi con un mix di ministri tecNici e politici sembra avere ripercussioni positive anche sull'azionario europeo. "La nomina di Draghi dà un forte segnale sia all'Italia sia all'Europa e questo potrebbe portare a switch di portafogli verso l'Europa", osserva un trader che evidenzia come i bassi tassi di interesse rendono l'investimento in azioni l'unico orizzonte per chi vuole portare a casa guadagni più consistenti.

Lo spread del rendimento fra i titoli decennali italiani e tedeschi è stabile intorno ai 90 punti base, mentre sul fronte delle materie prime schizza al rialzo il greggio ai massimi da 13 mesi sulle attese di una crescita della domanda petrolifera grazie all'effetto dei vaccini anti-Covid.

Ed è proprio l'effetto balzo del Brent a quota 63 dollari al barile che fa da volano per i titoli oil, tra i più penalizzati dai lockdown per la pandemia che quindi stanno recuperando il gap con il prezzo del petrolio. Eni cresce del 2,2%, così come le oil service Saipem (+2,8%), Tenaris (+4,8%) e Maire Tecnimont (+2,8%). Ben raccolto anche il raffinatore Saras in crescita del 5,4%.

Lo spread ai minimi avvantaggia anche il settore bancario con le big Unicredit e Intesa Sanpaolo in crescita intorno all'1,7%.

Denaro su Nexi in salita dell'1,2%: il titolo beneficia dell'aspettativa che il nuovo esecutivo Draghi sviluppi maggiormente i pagamenti digitali, osserva un broker.

Cedente A2a (-0,3%), partita forte sulla scia dell'accordo annunciato ieri sera per l'acquisizione di 17 impianti fotovoltaici con una potenza nominale di 173 MW. "Notizia positiva che supporta la graduale crescita di A2A nelle rinnovabili, con il titolo che si sta stabilizzando dopo la corsa da inizio dell'anno", sottolinea un trader.

Fuori dal paniere, male Juventus (-1%) e Lazio (-1,4%) dopo le sconfitte in campionato con Napoli e Inter che le allontanano dalla vetta della classifica.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)