Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.490,89
    +765,38 (+2,66%)
     
  • Nasdaq

    10.815,43
    +239,82 (+2,27%)
     
  • Nikkei 225

    26.215,79
    +278,58 (+1,07%)
     
  • EUR/USD

    0,9828
    +0,0027 (+0,28%)
     
  • BTC-EUR

    19.880,38
    +140,22 (+0,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,72
    +8,36 (+1,92%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.678,43
    +92,81 (+2,59%)
     

Borsa Milano tonica spinta da banche, pesante Avio dopo revisione guidance

Una donna davanti l'ingresso della borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari in forte rialzo, spinta come le altre borse europee da bancari e titoli energetici, in un clima che beneficia anche dei progressi militari fatti dalle forze ucraine contro l'invasione russa.

Positive anche le indicazioni che arrivano dai futures sugli indici di Wall Street.

Non desta preoccupazione finora l'avvicinarsi delle elezioni politiche, perché non si temono in ogni caso - secondo i trader - significativi scostamenti dal quadro internazionale di alleanze e di politiche di bilancio.

Intorno alle 12,40 l'indice FTSE Mib guadagna l'1,8% con volumi che superano i 650 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Prosegue la corsa delle banche, sostenute dalle ricoperture dopo il rialzo dei tassi Bce che aiutano i margini degli istituti di credito, spiegano i trader. Tra queste brilla MPS (in asta a +18%), particolarmente bersagliata dalla vendite nelle ultime settimane in vista dell'aumento di capitale iperdiluitivo.

In luce anche Bper con +5%, Unicredit e Intesa Sanpaolo con rialzi superiori al 2%. Trascurata Carige (-0,6%) ma prossima al delisting.

Continua a correre il risparmio gestito con Banca Mediolanum +3,8% e Finecobank +3,3%, Anima +3%.

Il rialzo del greggio dà nuova forza ai petroliferi con Eni +2%.

Il clima ottimista premia gran parte degli industriali, con il settore auto particolarmente ben comprato in tutta Europa. Stellantis +2,5%%, Brembo +2%.

Crollo per Avio (-12%) che venerdì sera ha tagliato la guidance sull'Ebitda e l'utile netto di quest'anno a causa del rincaro dei costi energetici.

(Claudia Cristoferi, editing Sabina Suzzi)