Italia markets close in 1 hour 39 minutes
  • FTSE MIB

    24.632,35
    +10,63 (+0,04%)
     
  • Dow Jones

    34.166,48
    -263,40 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    11.398,38
    -63,12 (-0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    82,16
    +2,18 (+2,73%)
     
  • BTC-EUR

    16.318,25
    +116,33 (+0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,92
    -3,30 (-0,80%)
     
  • Oro

    1.801,70
    -7,90 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    4.040,62
    -31,08 (-0,76%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,93
    -14,97 (-0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8614
    +0,0041 (+0,48%)
     
  • EUR/CHF

    0,9904
    +0,0037 (+0,37%)
     
  • EUR/CAD

    1,4190
    +0,0004 (+0,03%)
     

Borsa, petrolio ai minimi: covid e stacco delle cedole affondano Piazza Affari

(Adnkronos) - Lo stacco delle cedole e lo scivolone del prezzo del petrolio portano in basso Piazza Affari, in una apertura di settimana comunque negativa per le Borse europee e per Wall Street. Negli Stati Uniti il valore del Brent è ai minimi da settembre e preoccupa la possibilità che, dopo l’aumento dei casi di coronavirus in Cina, il Paese possa introdurre una nuova stretta, con effetto a cascata sull’economia di tutto il mondo. Pechino, poi, è il maggior acquirente al mondo di petrolio.

A Milano il Ftse Mib perde l’1,29% e chiude a 24.356,05 punti. Senza lo stacco delle cedole di numerose aziende big il ribasso sarebbe stato più contenuto. Torna poi a salire lo spread tra Btp e Bund tedeschi, tornando sopra i 190 punti base. Il rendimento del titolo decennale è ancora attorno al 3,9%.

Sul listino principale di Piazza Affari in positivo alcuni istituti bancari, come Unicredit (+1,24%), Bper (+0,26%) e Banco Bpm (+0,92%). Bene anche Inwit (+1,30%) e Stellantis (+0,92%).

In coda, invece, le società che hanno concesso i dividendi. Eni perde il 5,24%, con la seconda tranche della cedola che vale 0,22 euro ad azione. Male, tra i petroliferi, anche Saipem (-5,70%) e Tenaris (-5,42%), sospesa al ribasso. Intesa Sanpaolo (-3,41%) ha staccato l’acconto sul dividendo 2023 per un ammontare di 0,0738 euro. La cedola ai propri azionisti di Mediobanca (-7,44%) vale invece 0,75 euro. In negativo, infine, anche Tim (-4,07%), Moncler (-2,95%), Nexi (-3,10%), Generali (-1,10%) e Azimut (-1,32%). (in collaborazione con Money.it)