Italia Markets open in 1 hr 50 mins

Borsa: Piazza Affari in recupero, brilla Mps

webinfo@adnkronos.com

Nonostante un forte miglioramento registrato nella seconda parte, anche oggi Piazza Affari ha terminato la seduta con il segno meno. Dopo le tensioni innescate dal virus cinese (polmonite da coronavirus), a spingere i mercati sulle due sponde dell’Atlantico sono state le dichiarazioni rese da Donald Trump. Arrivato a Davos, il Potus ha pomposamente sottolineato come gli Stati Uniti stiano vivendo una fase di boom economico “senza precedenti” e i dati macroeconomici, definiti “grandiosi”, sono lì a testimoniarlo. 

In una giornata in cui il paniere principale di Piazza Affari ha perso lo 0,65% fermandosi a 23.845,28 punti, tra le blue chip spiccano le performance positive dell’accoppiata Banco BPM (+2,38%) – BPER (+1,27%) e il +0,92% di Recordati dopo che Jefferies ha avviato la copertura sul titolo con giudizio “buy” e prezzo obiettivo a 46,5 euro (oggi il titolo REC ha terminato a 39,58 euro). 

Nel comparto bancario due velocità per UniCredit e Intesa Sanpaolo (+0,57% e -0,63% rispettivamente) e +9,39% di Mps che, in attesa della decisione Ue sul piano di de-risking del Tesoro, oggi ha collocato un obbligazione senior preferred ''long'' a 5 anni da 750 milioni di euro. Grazie ad un incremento del 2,4%, lo spread con i titoli tedeschi si è riportato sopra la soglia dei 160 punti base fissandosi a 161,7 pb. 

Le notizie in arrivo dalla Cina, che arrivano a ridosso dei festeggiamenti del Capodanno lunare, hanno penalizzato i titoli maggiormente legati al made in Italy come Ferragamo (-0,77%), Moncler (-2,22%) e, fuori dal Ftse Mib, Brunello Cucinelli (-4,05%). Il coronavirus ha messo di cattivo umore anche le azioni Autogrill (-2,85%), presente con i suoi punti vendita nei principali scali aeroportuali. 

Prese di beneficio sulle aziende di pubblica utilità: Enel ha perso lo 0,25%, Italgas l’1,04% e Terna ha lasciato sul parterre l’1,65%. Limita le perdite Saipem (-0,11%) su cui Goldman Sachs ha incrementato la valutazione da “neutral” a “buy”. (in collaborazione con money.it)