Italia markets open in 7 hours 22 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.395,22
    -90,58 (-0,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1784
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    11.634,77
    +16,91 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    271,28
    +9,99 (+3,83%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Borsa: Piazza Affari in rosso, energetici in rally

webinfo@adnkronos.com
·2 minuti per la lettura

Nonostante la delusione per l’andamento del primo duello Trump-Biden, l’avvio in positivo di Wall Street ha migliorato anche l’umore di Piazza Affari permettendogli di chiudere poco lontano dalla parità. A spingere le borse a stelle e strisce sono i rumor su un nuovo piano di stimoli dopo che il segretario al Tesoro statunitense, Steve Mnuchin, si è detto "ottimista" sulla possibilità di raggiungere un accordo.

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib si è fermato a 19.015,27 punti, -0,24% rispetto al dato precedente, spiccano le performance dei titoli del comparto energetico: Saipem ha chiuso con un +4,93%, Tenaris ha segnato un -3,15% ed Eni è salita dello 0,34%.

In corrispondenza della chiusura degli scambi in Europa, per acquistare un barile di Brent con consegna dicembre sono necessari 41,8 dollari, +0,55% rispetto al dato precedente. A favorire la risalita dei prezzi è stato l’aggiornamento relativo le scorte di petrolio negli Stati Uniti, scese nell’ultima settimana di 2 milioni di barili (contro il rialzo di 1 milione stimato dagli analisti).

Seduta positiva anche per il comparto bancario, con Banco Bpm in aumento del 3,92%, Bper che è salita dell’1,95% e l’accoppiata formata da UniCredit e Intesa Sanpaolo che ha rispettivamente messo a segno un +0,31 ed un -0,24%. Nel risparmio gestito, il rumor secondo cui Mediobanca (+0,18%) non sarebbe più interessata ad un’operazione straordinaria ha fatto perdere a Banca Generali il 4,35%.

In rosso anche per Hera (-1,62%), Snam (-2,05%) ed Enel (-1,09%). Tra le aziende di pubblica utilità Iren ha terminato con un +0,55% dopo l’annuncio del piano industriale al 2025. Contrazione dell’1,32% per Atlantia, disponibile a trattare con il Governo su Aspi, ma senza la manleva.

Poco mosso, a 140 punti base, lo spread con i titoli made in Germany. (in collaborazione con money.it)