Italia markets close in 2 hours 30 minutes
  • FTSE MIB

    22.170,55
    +163,15 (+0,74%)
     
  • Dow Jones

    29.969,52
    +85,73 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    12.377,18
    +27,82 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,00
    +0,36 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    15.650,04
    -206,09 (-1,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    372,56
    -1,84 (-0,49%)
     
  • Oro

    1.839,90
    -1,20 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,2149
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    3.666,72
    -2,29 (-0,06%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.524,61
    +7,51 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8995
    -0,0031 (-0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0817
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5589
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borsa Shanghai chiude in rialzo su dati positivi, accordo libero scambio

·1 minuto per la lettura
Un uomo con una mascherina all'interno della Borsa di Shanghai
Un uomo con una mascherina all'interno della Borsa di Shanghai

SHANGHAI (Reuters) - L'azionario cinese ha chiuso in rialzo dopo i dati ottimistici che hanno indicato una continua ripresa nella seconda economia mondiale, con l'istituzione di un blocco commerciale sostenuto dalla Cina che ha favorito il sentiment.

L'indice blue chip CSI300 è salito dell'1,0%, a 4.904,17, mentre lo Shanghai Composite Index ha guadagnato l'1,1% a 3.346,97 punti.

L'indice delle start-up tech ChiNext ha guadagnato lo 0,2%, mentre l'indice Shanghai STAR50 è salito dello 0,7%.

La produzione industriale cinese è aumentata più rapidamente del previsto a ottobre e le vendite al dettaglio hanno continuato a riprendersi, sebbene a un ritmo inferiore alle stime.

Le società di materie prime hanno registrato la performance migliore, con l'indice CSI300 di settore in aumento del 3,8%.

Inoltre, gli investitori hanno accolto con favore l'istituzione di un blocco commerciale sostenuto dalla Cina che esclude gli Stati Uniti.

Quindici economie dell'area Asia-Pacifico hanno formato ieri il più grande blocco di libero scambio al mondo.

Rispondendo alla decisione di Washington di vietare gli investimenti statunitensi in società legate all'esercito cinese, il ministero del commercio cinese ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero porre fine alla loro irragionevole repressione delle imprese cinesi.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi,)