Italia markets close in 5 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    24.013,16
    -75,49 (-0,31%)
     
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    62,00
    -0,67 (-1,07%)
     
  • BTC-EUR

    46.147,46
    +32,85 (+0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.266,81
    +32,40 (+2,62%)
     
  • Oro

    1.779,00
    +0,60 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,2006
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.960,36
    +19,90 (+0,51%)
     
  • EUR/GBP

    0,8614
    -0,0020 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,1015
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5119
    -0,0051 (-0,33%)
     

Borsa Shanghai chiude in tenue ribasso, produttori distillati guidano crollo beni di consumo

·1 minuto per la lettura
Un passante nel distretto finanziario Lujiazui a Shanghai

SHANGHAI (Reuters) - L'azionario cinese ha archiviato la sessione in tenue calo, con le aziende di beni di consumo che hanno trascinato il mercato al ribasso, e gli investitori ancora intimoriti da un possibile inasprimento delle politiche monetarie dopo forti dati macroeconomici.

Alla chiusura, l'indice Shanghai Composite era in ribasso dello 0,1% a 3.479,63.

L'indice blue chip CSI300 è sceso dello 0,71%, con il settore dei beni di consumo di base in calo del 3,01% dopo un rally quasi del 6,5% la scorsa settimana. Il sottoindice del settore finanziario è sceso dello 0,39% e quello sanitario ha perso lo 0,29%.

I tre titoli peggiori sull'indice CSI300 sono stati tutti produttori di distillati. Kwiechou Moutai è scesa del 3,06%, Wuliangyie Yibin ha perso il 4,89% e Luzhou Laojiao ha ceduto il 6,11%.

L'indice minore di Shenzhen ha chiuso in ribasso dello 0,36% e l'indice delle start-up ChiNext Composite a -0,862%.

Secondo gli analisti, dati economici solidi potrebbero spingere le autorità a inasprire la politica monetaria, esercitando pressioni sulle valutazioni azionarie.

"Non possiamo escludere la possibilità che i responsabili politici possano muoversi già alla fine di quest'anno per inasprire la politica monetaria, innescando potenzialmente effetti a catena sia nell'economia reale che nei mercati finanziari", ha detto Christina Zhu, economista di Moody's Analytics in una nota.

L'indice Hang Seng di Hong Kong ​​​​​​​​​​​​​​ha chiuso in ribasso dello 0,91​​​​​​​​​​​​​​​​​, a 28.674,8​​ punti.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)