Italia markets close in 1 hour 58 minutes
  • FTSE MIB

    22.452,20
    +70,85 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,26
    -0,10 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    30.545,66
    +662,15 (+2,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    715,20
    -19,94 (-2,71%)
     
  • Oro

    1.835,40
    +5,50 (+0,30%)
     
  • EUR/USD

    1,2067
    -0,0017 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.597,78
    -1,77 (-0,05%)
     
  • EUR/GBP

    0,8904
    +0,0017 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0753
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5407
    +0,0034 (+0,22%)
     

Borsa Shanghai in rialzo su dati macro positivi

·1 minuto per la lettura
Un uomo presso la Borsa di Shanghai

SHANGHAI (Reuters) - L'azionario cinese ha chiuso in rialzo, sostenuto da buoni dati sugli utili industriali che hanno evidenziato la continua ripresa della seconda economia mondiale.

L'indice delle blue-chip CSI300 ha guadagnato lo 0,4% a 5.064,41, mentre l'indice di Shanghai ha chiuso invariato a 3.397,29.

Le società legate ai consumi hanno guidato i guadagni, con l'indice dei beni dei consumi primari e quello dei beni di consumo discrezionali in rialzo rispettivamente del 2,9% e dell'1,8%.

Gli utili delle società industriali cinesi sono cresciuti in maniera solida a novembre per il settimo mese consecutivo, sostenuti dalla forza di produzione industriale e vendite, con i produttori che continuano la ripresa dalla recessione causata dal Covid-19.

La Cina diventerà la prima economia mondiale superando gli Stati Uniti già nel 2028, cinque anni prima del previsto, a causa della ripresa contrastante dei due Paesi dalla pandemia, secondo le proiezioni del Centre for Economics and Business Research.

In rosso le aziende tech su timori relativi a questioni regolatorie. L'indice IT del CSI300 ha ceduto l'1,4%, mentre l'indice STAR50 ha perso lo 0,8%.

La banca centrale cinese ha comunicato ieri di aver richiesto al colosso dei pagamenti Ant Group di ristrutturare le attività di prestiti e crediti al consumo, ultimo dei colpi inferti a Jack Ma, fondatore miliardario e azionista di controllo del gruppo.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)