Italia markets close in 35 minutes
  • FTSE MIB

    22.950,20
    -133,35 (-0,58%)
     
  • Dow Jones

    31.459,90
    +68,38 (+0,22%)
     
  • Nasdaq

    13.201,80
    -156,98 (-1,18%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    61,22
    +1,47 (+2,46%)
     
  • BTC-EUR

    41.973,86
    +999,60 (+2,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.013,63
    +25,54 (+2,58%)
     
  • Oro

    1.700,90
    -32,70 (-1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2071
    -0,0016 (-0,13%)
     
  • S&P 500

    3.852,42
    -17,87 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.699,18
    -8,54 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8647
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,1074
    +0,0017 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,5243
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borsa Tokyo +0,97%. Acquisti su azionario India, BSE Sensex oltre +3% dopo legge bilancio

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo ha chiuso la sessione in rialzo dello 0,97% a 28.362,17 punti. Boom in Asia soprattutto per la borsa indiana, per il listino Nifty 50, balzato del 2,8% circa e per il BSE Sensex, schizzato oltre il 3%, dopo che il ministro delle Finanze del paese ha presentato la legge di bilancio per l'anno fiscale che inizierà il 1° aprile e che terminerà il 31 marzo del 2022. Molto bene anche la borsa di Taiwan, con l'indice Taiex balzato del 2,51%. La borsa di Shanghai avanza dello 0,59%, Hong Kong fa +1,57%, Sidney +1,49%, Seoul +1,42%. In generale la spinta positiva alle borse asiatiche è arrivata da Wall Street; nella sessione di ieri, il Dow Jones Industrial Average è salito di 229.29 a 30,211.91. Lo S&P 500 ha guadagnato l' 1,6% a 3.773,86 punti, mentre il Nasdaq Composite è balzato del 2,6% a 13.403,39. Protagonista in Australia la decisione dell'RBA -Reserve Bank of Australia, banca centrale - di lasciare invariato il target sui tassi di interesse e sui rendimenti dei titoli di stato a tre anni, a 10 punti base, ovvero allo 0,1%. La RBA ha annunciato anche che espanderà il suo piano di acquisti di bond (QE-Quantitative easing) di 100 miliardi di dollari australiani a partire dalla metà di aprile, al fine di sostenere il mercato del lavoro e dare una spinta all'inflazione. L'istituzione ha assicurato inoltre che non aumenterà i tassi di interesse fino a quando il tasso di inflazione non centrerà il target stabilito nel range compreso tra il 2 e il 3% e fino a quando la crescita dei salari non si sarà confermata più solida in modo significativo, rispetto alle condizioni attuali. Tali condizioni, a suo avviso, non saranno centrate prima del 2024.