Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.195,34
    -101,53 (-0,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Borsa Tokyo -2%: focus su tassi Cina e forex. Dollaro paga tassi Treasuries più bassi, euro supera $1,20 in attesa Bce

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

Vendite alla borsa di Tokyo, con l'indice Nikkei 225 che è scivolato dell'1,97% a 29.100,38 punti. Effetto Wall Street, con gli indici azionari Usa che hanno ritracciato dai livelli record testati venerdì scorso: il Dow Jones Industrial Average ha perso 123,04 punti a 34.077,63 punti. Lo S&P 500 ha sofferto un calo dello 0,53% a 4.163,26 punti, mentre il Nasdaq Composite è sceso dello 0,98% a 13.914,77 punti. Focus sui tassi sui Treasuries decennali Usa, che hanno iniziato la settimana in rialzo oltre l'1,6%, a fronte del 2,29% dei tassi trentennali. La People's Bank of China – banca centrale della Cina – ha lasciato invariati i tassi di finanziamento loan prime rate (LPR) a un anno e a cinque anni, rispettivamente al 3,85% e al 4,65%, come da attese. I tassi LPR sono i tassi di riferimento sui prestiti che vengono stabiliti mensilmente da 18 banche cinesi. I tassi sono stati lasciati fermi per il 12esimo mese consecutivo. Sul forex, l'euro è in rialzo sul dollaro dello 0,30% circa, a $1,2068. In generale, il Dollar Index oscilla attorno al valore più basso in sei settimane, a 91,079 punti, non lontano dal minimo della settimana scorsa a 91,484, livello più basso dal 18 marzo scorso. Il dollaro ha scontato la minore appetibilità del Treasuries Usa, con i rendimenti decennali che, la scorsa settimana, sono scesi fino all'1,5280%, dopo esere balzati fino all'1,7760% alla fine di marzo, record in oltre un anno. In attesa della riunione della Bce di dopodomani, giovedì 22 aprile, l'euro è salito oltre la soglia di $1,20 per la prima volta in oltre sei settimane.