Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.549,59
    -360,78 (-1,21%)
     
  • Nasdaq

    12.144,71
    -61,13 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1950
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    16.105,24
    +775,32 (+5,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    378,49
    +13,89 (+3,81%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.610,44
    -27,91 (-0,77%)
     

Borsa Tokyo chiude in calo, si teme un lockdown a Tokyo per il coronavirus

·2 minuto per la lettura
Pedoni riflessi su un uno schermo presso la Borsa di Tokyo
Pedoni riflessi su un uno schermo presso la Borsa di Tokyo

SYDNEY (Reuters) - La borsa di Tokyo chiude in ribasso sulle crescenti preoccupazioni per l'epidemia di coronavirus nel corso del weekend, con misure di lockdown più severe adottate da più Paesi che alimentano i timori di una serrata anche Tokyo.

L'indice Nikkei cede l'1,6% a 19.084,97, dopo aver guadagnato il 3,9% venerdì. Il più ampio indice Topix perde l'1,6% a 1.435,54.

L'indice di volatilità Nikkei aggiunge il 4,2% a 54,98, ancora lontano però dai massimi di nove anni a 60,86 toccati il 16 marzo.

Il Giappone si prepara ad estendere il divieto di ingresso ai cittadini provenienti dagli Stati Uniti, Cina, Corea del Sud e buona parte dell'Europa.

Sabato il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha promesso una serie di misure senza precedenti, affermando che il Paese è vicino allo stato d'emergenza nazionale, a causa del crescente numero di infezioni.

Ventisette settori su 33 scambiano in ribasso, in particolare i comparti dei trasporti aerei, il bancario e l'assicurativo.

Soffrono il sell-off anche le blue-chip, con Toyota Motor in calo del 3,3% dopo aver segnalato che la produzione globale del gruppo a febbraio è diminuita del 12,2% su base annuale.

Sony cede il 3,8% dopo aver detto che a causa dell'impatto dell'epidemia di coronavirus si vede costretto ad annullare la revisione al rialzo delle stime sugli utili annuali, come indicato a febbraio.

Le raffinerie petrolifere JXTG Holdings e Idemitsu Kosan perdono rispettivamente il 3,9% e il 4,5%, a causa del calo del prezzo del greggio Usa sotto la soglia dei 20 dollari il barile.

Data la crescente possibilità di un lockdown per l'intera città di Tokyo, i produttori alimentari, in controtendenza rispetto all'andamento generale del mercato, guadagnano terreno. Nichirei avanza del 4,1%, Yamazaki Baking il 3,8% e Toyo Suisan Kaisha guadagna il 6,3%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia