Italia markets open in 4 hours 17 minutes
  • Dow Jones

    29.823,92
    +185,32 (+0,63%)
     
  • Nasdaq

    12.355,11
    +156,41 (+1,28%)
     
  • Nikkei 225

    26.756,37
    -31,17 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,2082
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    15.445,95
    -95,42 (-0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    366,70
    -13,16 (-3,46%)
     
  • HANG SENG

    26.551,77
    -15,91 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    3.662,45
    +40,82 (+1,13%)
     

Borsa Tokyo chiude a massimi di circa 30 anni su Biden vicino a vittoria

·1 minuto per la lettura
Due fotografi riprendono un megaschermo presso la Borsa di Tokyo
Due fotografi riprendono un megaschermo presso la Borsa di Tokyo

TOKYO (Reuters) - L'indice Nikkei ha chiuso ai massimi di 29 anni, sulla scia dell'ottimismo dei mercati azionari globali, con gli investitori che sperano in un Congresso diviso sotto una possibile amministrazione Biden, impedendo grandi cambiamenti politici.

L'indice di riferimento Nikkei share average ha chiuso in rialzo dello 0,91% a 24.325,23. Si tratta dei massimi di chiusura dal novembre 1991, quando i mercati sono crollati dopo lo scoppio della bolla economica giapponese.

Il più ampio indice Topix ha guadagnato lo 0,52% a 1.658,49.

Entrambi gli indici hanno archiviato la settimana in rialzo di oltre il 5%, registrando i maggiori guadagni settimanali da fine maggio.

"Le quotazioni azionarie stanno replicando i rialzi dei titoli Usa che si basano su una certa euforia del mercato per una vittoria quasi certa di Joe Biden", ha detto Ayako Sera, market strategist di Sumitomo Mitsui Trust Bank, aggiungendo che il mercato sembra non aver fatto caso al rafforzamento dello yen contro il dollaro.

"Il risultato delle elezioni non è stato ancora confermato... è necessario assumere un atteggiamento di cautela da questo momento in poi", ha detto Masahiro Ichikawa, chief market strategist di Sumitomo Mitsui DS Asset Management.

Gli investitori si aspettano che Biden vinca e che i repubblicani mantengano il controllo del Senato, il che potrebbe bloccare l'agenda dei Democratici che prevede di aumentare le tasse per le imprese e un massiccio indebitamento per spesa pubblica.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei)