Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.298,62
    +388,41 (+0,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Borsa Tokyo chiude in rialzo ma resto Asia negativo. Pesano timori reflazione, tassi Treasuries 10 anni all'1,38%

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo ha chiuso la sessione in rialzo dello 0.46% a 30.156,03 punti, scommettendo sulla volontà della Bank of Japan di confermare i propri acquisti di ETF sull'azionario. Sotto pressione la borsa di Shanghai -0,70% e di Hong Kong -0,50%, così come Sidney -0,19% e Seoul -0,78%; nonostante la decisione della People's Bank of China – banca centrale della Cina – di lasciare invariati i tassi di finanziamento loan prime rate (LPR) a un anno e a cinque anni, rispettivamente al 3,85% e al 4,65%, come da attese. Persistono i timori sulla reflazione Usa, dopo che i tassi sui Treasuries Usa sono volati ancora, fino all'1,38% circa. I futures sui principali indici azionari Usa sono in lieve ribasso. Sul forex occhio al dollaro australiano, che è balzato durante le contrattazioni asiatiche fino a $0,7908, al record dall'inizio del 2018 nei confronti del dollaro Usa. Nelle ultime ore Fitch Rating ha confermato la tripla AAA per il debito dell'Australia, con outlook negativo. "Il rating dell'Australia - si legge nella nota dell'agenzia - riflette la solidità delle sue istituzioni e l'efficacia della sua politica, che hanno sostenuto quasi tre decenni di crescita economica, prima della pandemia del coronavirus, aiutando a limitare la gravità dello shock attuale". Detto questo, "l'outlook negativo riflette l'incertezza sulla traiettoria del debito nel medio termine, a seguito dell'aumento significativo del debito pubblico/Pil provocato dalla risposta alla pandemia". Sul balzo del dollaro australiano, c'è da dire che i mercati scontano con una probabilità di 1 su 3 che la Reserve Bank of Australia alzi i tassi entro la metà del 2022, nonostante l'istituzione abbia detto che la prima manovra di politica monetaria restrittiva non avverrà prima del 2024. Intanto S&P ha rivisto al rialzo il rating sul debito della Nuova Zelanda da "AA" ad "AA+" motivando la decisione con la capacità del paese di contenere i contagi da coronavirus Covid-19 meglio della maggior parte di altri paesi. L'outlook sul rating del paese è stabile.