Italia Markets close in 1 hr 16 mins

Borsa Tokyo chiude in rialzo su speranze stimolo Usa, promesse Fed

di Stanley White
·2 minuto per la lettura
Il logo della Federal Reserve a Washington, prima di una conferenza stampa

di Stanley White

TOKYO (Reuters) - La borsa di Tokyo ha chiuso oggi in rialzo per la seconda sessione consecutiva, sulle aspettative di ulteriori misure di stimolo economico negli Stati Uniti e sulle promesse di sostegno da parte della Federal Reserve, a favore del sentiment.

L'indice Nikkei 225 ha chiuso in rialzo dello 0,18% a 26.806,67, invertendo la rotta rispetto a inizio sessione. Il più ampio indice Topix è avanzato dello 0,32% a 1.792,58.

Alcuni investitori sono rimasti cauti, osservando il Giappone alle prese con una terza ondata di infezioni, anche se gli sviluppi positivi negli Stati Uniti hanno sostenuto la borsa.

Democratici e Repubblicani hanno avuto parole di speranza su un possibile accordo per un disegno di legge da 900 miliardi di dollari, e la Fed ha promesso di continuare a iniettare liquidità nei mercati finanziari, finché l'economia non sarà più stabile.

Dopo i massimi di 29 anni e mezzo visti la settimana scorsa per il Nikkei, la borsa poteva facilmente perdere terreno su prese di profitto, ma gli analisti hanno un outlook positivo nel medio termine.

"Le eccessive quantità di liquidità fornite dalle banche centrali sono state la colonna portante dei mercati azionari quest'anno, e continueranno così anche l'anno prossimo", ha detto Norihiro Fujito di Mitsubishi UFJ Morgan Stanley Securities.

I titoli in testa all'indice Topix 30 sono stati Nintendo, in rialzo del 6,61%, e Keyence, in rialzo del 5,3%.

Invece Daichii Sankyo e Central Japan Railway hanno perso terreno, rispettivamente in ribasso del 4,40% e del 2,23%.

Japan Post Insurance è avanzato del 10,05% su indiscrezioni stampa di un riacquisto di azioni da 2,9 miliardi di dollari dalla capogruppo Japan Post Holdings, che invece ha guadagnato il 3,58%.

Fujifilm Holdings ha perso il 3% su indiscrezioni stampa secondo le quali il governo giapponese ha concluso di non essere in grado di misurare l'efficacia del farmaco dell'azienda, Avigan, come cura per il Covid-19.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)