Italia markets close in 1 hour 48 minutes
  • FTSE MIB

    24.348,37
    +186,99 (+0,77%)
     
  • Dow Jones

    33.999,69
    -137,62 (-0,40%)
     
  • Nasdaq

    13.930,88
    -19,33 (-0,14%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • Petrolio

    61,62
    +0,27 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    45.679,31
    -556,00 (-1,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.283,45
    +40,39 (+3,25%)
     
  • Oro

    1.782,10
    -11,00 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2034
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.162,34
    -11,08 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.010,28
    +33,87 (+0,85%)
     
  • EUR/GBP

    0,8683
    +0,0044 (+0,51%)
     
  • EUR/CHF

    1,1035
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5054
    +0,0013 (+0,09%)
     

Borsa Tokyo estende perdite su ritorno timori lockdown

·2 minuto per la lettura
Diversi consumatori in un supermercato a Chiba, in Giappone

TOKYO (Reuters) - Alla borsa di Tokyo l'indice Nikkei ha chiuso in ribasso per la quarta sessione consecutiva a causa dei nuovi timori sul ritorno dei lockdown contro il Covid-19 in Europa e del calo dei prezzi del greggio, che hanno raffreddato le speranze di un'accelerazione dell'economia globale.

L'indice Nikkei 225 ha perso il 2,04% a 28.405,52. L'indice più ampio Topix ha chiuso in ribasso del 2,18% a 1.928,58, archiviando il peggior calo giornaliero dal 26 febbraio e la terza sessione negativa consecutiva.

In forte calo il settore energetico, con le aspettative di ripresa della crescita economica e della domanda di petrolio frenate dall'estensione dei lockdown contro la pandemia da parte della Germania e dai persistenti dubbi sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca.

Tuttavia, alcuni titoli tech sono stati sostenuti dai piani per aumentare gli investimenti per la produzione di semiconduttori all'avanguardia per far fronte alla carenza di fornitura a livello globale.

Il sentiment per la borsa giapponese è improntato alla cautela, con gli investitori che probabilmente monetizzeranno i profitti prima della fine dell'anno fiscale il 31 marzo.

I peggiori titoli sul Nikkei sono stati Unitika, in ribasso del 9,25%, Ana Holdings, in calo del 7,21%, e Mazda Motor, che ha perso il 5,92%.

Il migliore titolo sull'indice è stato Nikon, in rialzo del 6,44% sulla speculazione che la società possa beneficiare della decisione del gruppo Usa Intel di espandere la capacità di produzione di chip avanzati.

Tokyo Electron è avanzato del 5,06% e Screen Holdings ha guadagnato l'1,66% dopo che il quotidiano Nikkei ha scritto che le due aziende collaboreranno a un progetto governativo giapponese che investirà in stabilimenti di produzione locale per chip di nuova generazione.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)