Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.340,70
    -1.284,30 (-3,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Borsa Tokyo, Nikkei rimbalza da minimi 8 mesi su scia settore auto

·1 minuto per la lettura
Un uomo presso la sua postazione alla Borsa di Tokyo

di Hideyuki Sano

TOKYO (Reuters) - La borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo, dopo aver toccato i minimi di otto mesi nella sessione precedente, sulla scia del rimbalzo del settore auto dopo le perdite causate dall'annuncio del taglio del 40% della produzione globale di Toyota Motor.

L'indice Nikkei ha guadagnato l'1,78% a 27.494,24 dopo aver toccato venerdì i minimi da dicembre.

Il più ampio indice Topix è avanzato dell'1,83% a 1.915,14, sulla scia del balzo del 3,1% nel settore delle attrezzature per i trasporti.

Il sottoindice ha perso oltre il 10% la scorsa settimana, uno dei peggiori cali dall'inizio del 2020, dopo l'annuncio di Toyota.

Toyota è rimbalzata del 3,4%, con Denso e Nissan Motor rispettivamente in rialzo del 6,6% e del 3,4%, dopo che gli investitori hanno corretto le vendite eccessive della scorsa settimana, rivalutando la longevità dell'impatto del taglio di produzione di Toyota.

Sugli scudi 32 settori della Borsa di Tokyo su 33, con l'altamente volatile segmento degli shipper in rialzo del 5,0%.

SoftBank Group cede l'1,1% a causa della battuta d'arresto nella vendita del produttore di chip Arm a Nvidia, dopo che la Cma britannica ha affermato che la cessione potrebbe minare la concorrenza e indebolire i rivali, richiedendo un'ulteriore lunga indagine antitrust sull'accordo.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli