Italia Markets closed

Borsa Tokyo, poco mossa dopo accordo Usa-Cina; produttori macchinari in calo

Una donna indica i tabelloni elettronici alla Borsa di Tokyo

TOKYO (Reuters) - La borsa di Tokyo chiude poco mossa oggi dopo la firma dell'accordo preliminare tra Stati Uniti e Cina per porre fine ad una lunga guerra dei dazi, mentre i produttori di macchinari industriali hanno perso terreno a causa di un deboli aggiornamento sull'andamento del settore.

L'indice Nikkei ha terminato con +0,1% a 23.933,13, mentre il più ampio indice Topix perde lo 0,1% a 1.728,72.

Washington e Pechino hanno firmato l'attesa 'fase uno' dell'accordo commerciale, che prevede che la Cina acquisti beni e servizi per altri 200 miliardi di dollari in due anni in cambio della marcia indietro Usa su alcuni dazi.

Tuttavia, l'accordo non risolve alcune questioni strutturali economiche che hanno condotto al conflitto, e non elimina completamente i dazi imposti da entrambi i paesi, mentre l'obiettivo di acquisti da 200 miliardi di dollari sembra ambizioso.

"Considerando la dose di speculazione sui mercati e le dichiarazioni dei funzionari prima della firma di ieri, non sorprende che sui mercati non si sia innescato un forte rally dopo la firma definitiva", ha detto Hannah Anderson, global markets strategist di JPMorgan Asset Management a Hong Kong.

Infatti, la borsa di Tokyo ha reagito per lo più alle questioni interne, al di là dell'accordo tra Cina e Usa.

I produttori di macchinari d'automazione industriali sono finiti sotto pressione dopo la pubblicazione dei dati preliminari sugli ordini di dicembre da parte della associazione di settore Japan Machine Tool Builders' Association, che ha segnalato un calo del 33,6% su base annuale.

Yaskawa Electric cede il 2,9%, SMC perde il 2,2% e Makino Milling Machine cede l'1,0%.

Toshiba Machine avanza del 3,5% dopo che l'ex controllata di Toshiba ha annunciato la vendita della propria quota del 15,8% in NuFlare alla sua vecchia proprietaria che così si assicurerebbe oltre due terzi di NuFlare.

Toshiba perde lo 0,9% e Hoya, che aveva presentato un'offerta più alta per NuFlare, cede l'1,1%.

In altre notizie, Asics guadagna il 2,5% dopo che i media britannici hanno scritto che World Athletics potrebbe proibire le controverse scarpe da corsa Nike con suole super spesse.


Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia