Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.430,94
    -904,63 (-3,19%)
     
  • Nasdaq

    11.260,19
    -288,09 (-2,49%)
     
  • Nikkei 225

    23.494,34
    -22,25 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1823
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • BTC-EUR

    10.908,92
    -190,16 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    257,05
    -6,36 (-2,42%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,68 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.372,75
    -92,64 (-2,67%)
     

Borsa Usa avanza su attese misure stimolo, sussidi disoccupazione rimangono alti

di Sagarika Jaisinghani e Devik Jain
·2 minuti per la lettura
Il cartello stradale di Wall Street davanti a una bandiera statunitense
Il cartello stradale di Wall Street davanti a una bandiera statunitense

di Sagarika Jaisinghani e Devik Jain

(Reuters) - Wall Street guadagna terreno, dopo che il presidente Usa Donald Trump ha notato dei progressi nei negoziati sulle nuove misure di stimolo fiscale, anche se i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione rimangono alti.

Intorno alle 16,15 italiane, il Dow Jones avanza dello 0,26%, l'S&P 500 guadagna di 0,55% e il Nasdaq Composite di 0,43%.

Due giorni dopo aver terminato le trattative su un disegno di legge di stimolo fiscale, Trump ha confermato il negoziato con i Democratici per aumentare gli incentivi al settore aereo e distribuire assegni da 1.200 dollari ai cittadini americani.

Il settore aereo avanza dell'1,3%, con Delta Air Lines, United Airlines Holdings, Jetblue Airways e American Airlines Group in rialzo oltre l'1%.

Tutti gli 11 settori dell'S&P scambiano in rialzo, suggerendo un sentiment risk-on. Brilla l'energia.

Le richieste di sussidi di disoccupazione sono diminuite durante la scorsa settimana, segnalando però pochi progressi per il mercato del lavoro, incapace di impiegare milioni di cittadini senza lavoro per la crisi causata dal Covid-19.

Coty balza del 5,7%, dopo aver annunciato il lancio di un sito web per i consumatori per il marchio Kylie Skin, pensato per Regno Unito, Francia, Germania e Australia.

I gruppi farmaceutici Regenron Pharmaceuticals e Eli Lilly & Co guadagnano rispettivamente il 2% e il 2,5%, dopo che Trump ha lodato i loro farmaci contro il Covid-19 annunciando che ne renderà gratuito l'uso per i cittadini americani.

International Business Machines sale del 7,2% dopo aver annunciato la divisione in due distinte società pubbliche, dopo anni di sforzi per diversificare le proprie attività tradizionali dalle operazioni di cloud computing ad alto margine.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)