Italia markets close in 6 hours 41 minutes
  • FTSE MIB

    26.634,72
    -426,68 (-1,58%)
     
  • Dow Jones

    34.265,37
    -450,03 (-1,30%)
     
  • Nasdaq

    13.768,92
    -385,08 (-2,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    85,31
    +0,17 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    30.526,51
    -1.450,82 (-4,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    792,73
    +550,05 (+226,66%)
     
  • Oro

    1.842,60
    +10,80 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1328
    -0,0027 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    4.397,94
    -84,79 (-1,89%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.170,08
    -59,48 (-1,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8371
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0320
    -0,0014 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4269
    +0,0001 (+0,01%)
     

Borsa Usa, bene Dow su dato prezzi produzione, in calo Nasdaq, S&P 500

·2 minuto per la lettura
Il cartello stradale di Wall Street nel distretto finanziario di New York

(Reuters) - Il Dow sale dopo che un aumento più lento dei prezzi alla produzione a dicembre ha alimentato le speranze che l'inflazione abbia potenzialmente raggiunto il picco, mentre la flessione dei titoli healthcare e di quelli a elevata capitalizzazione mette sotto pressione S&P 500 e Nasdaq.

Il Dipartimento del lavoro ha reso noto che lo scorso mese l'indice dei prezzi alla produzione è salito dello 0,2%, dopo essere avanzato dello 0,8% a novembre, in un contesto in cui i costi dei beni sono in calo e si rilevano segnali di un miglioramento della situazione sulle catene di approvvigionamento.

Nei 12 mesi fino a dicembre, l'Ipp è salito del 9,7%, a fronte di previsioni di un +9,8% da parte degli economisti intervistati da Reuters.

Le cifre giungono dopo che ieri gli indici di Wall Street hanno accolto positivamente i dati sui prezzi al consumo, che hanno ampiamente soddisfatto le aspettative del mercato nonostante abbiano raggiunto i massimi di 40 anni.

Gran parte degli 11 settori principali dell'S&P 500 è in rialzo, come i titoli ciclici incentrati sull'economia, tra cui il comparto finanziario, quello industriale e quello energetico, in testa ai guadagni.

I titoli healthcare calano dell'1%, pesando più di tutti sull'indice di riferimento. Il Nasdaq è stato zavorrato dalle flessioni di TESLA, MICROSOFT CORP, Meta Platforms e Apple.

Alle 17,00 il Dow Jones Industrial Average è in rialzo di 153,81 punti, o lo 0,42%, a 36.443,50 punti, l' S&P 500 scende di 15,31 punti, o lo 0,34%, a 4.710,38 e il Nasdaq Composite perde 141,74 punti, o lo 0.92%, a 15.048,83.

Delta Airlines guadagna il 2,6% dopo aver superato le stime relative agli utili per il quarto trimestre, facendo salire l'indice S&P 1500 Airlines del 3,7%.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli