Italia markets open in 3 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    33.596,34
    -350,76 (-1,03%)
     
  • Nasdaq

    11.014,89
    -225,05 (-2,00%)
     
  • Nikkei 225

    27.727,92
    -157,95 (-0,57%)
     
  • EUR/USD

    1,0465
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    16.273,49
    -99,94 (-0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,83
    +0,02 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    19.469,46
    +28,28 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    3.941,26
    -57,58 (-1,44%)
     

Borsa Usa in calo, aumento rendimenti Treasury estingue rally titoli 'growth'

Un'insegna di Wall St. è visibile vicino al NYSE a New York

(Reuters) - Wall Street perde terreno dopo che il rally di due giorni dei titoli 'growth' è stato interrotto dall'aumento dei rendimenti dei Treasury, in aggiunta a dati che hanno mostrato che, nonostante l'aumento dei tassi di interesse, la domanda nel mercato del lavoro è rimasta invariata e il settore dei servizi ha subito un modesto rallentamento.

Intorno alle ore 17,05 italiane, il Dow Jones cede 375,40 punti, o l'1,22%, a 29.949,47, lo S&P 500 perde 59,92 punti, o l'1,58%, a 3.731,50, e il Nasdaq scambia in ribasso di 241,87 punti, o del 2,16%, a 10.937,88.

I rendimenti del Treasury decennale sono saliti bruscamente, poiché gli operatori hanno rivalutato le loro posizioni in base all'aggressività dei previsti rialzi dei tassi d'interesse da parte della Federal Reserve.

A dare ulteriore impulso, i dati Adp hanno mostrato che i datori di lavoro privati statunitensi hanno aumentato le assunzioni a settembre, lasciando intendere che la Federal Reserve abbia un maggior margine per aumentare i tassi in maniera aggressiva.

Titoli legati al settore tech come Nvidia, Amazon.com, Apple e Alphabet perdono tra l'1,5% e il 4%.

Tra le banche, Citigroup e JPMorgan Chase & Co cedono entrambe più del 2,5%.

Dieci degli 11 principali comparti dell'S&P 500 perdono terreno a inizio seduta, in particolare il segmento dei servizi di pubblica utilità e l'immobiliare.

Sugli scudi il settore energetico, in rialzo dello 0,3% dopo che l'Opec+ ha concordato i maggiori tagli alla produzione di petrolio dalla pandemia Covid-19 nel 2020.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Federico Maccioni)