Italia markets closed

Borsa Usa in calo, Fed non placa timori sul virus

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell

(Reuters) - Wall Street perde terreno, con il coronavirus che continua a espandersi rapidamente costringendo altri stati Usa al 'lockdown', eclissando l'ottimismo per un allentamento monetario senza precedenti da parte della Federal Reserve.

Intorno alle 16,10 italiane, il Dow Jones cede 509,11 punti, ovvero il 2,66%, a 18.664,87, l'indice S&P 500 scivola di 60,51 punti, o del 2,8%, a 2.240,41 e il Nasdaq Composite perde 94,39 punti, o l'1,37%, a 6.784,02.

Dopo aver ridotto la settimana scorsa i tassi d'interesse quasi allo zero e aver offerto di acquistare più titoli di Stato e cartolarizzazioni, la banca centrale ha ora deciso di dare finanziamenti a fronte di prestiti per gli studenti e prestiti con carte di credito, oltre ad acquistare bond di imprese più grandi.

Le manovre senza precedenti hanno spinto brevemente i futures Usa in rialzo di oltre il 3%, ma il crescente numero delle vittime di Covid-19 e i sempre più forti segnali di danno economico per le imprese hanno rapidamente riportato i principali indici in rosso.

"Questi sforzi da soli non faranno nulla contro il virus -- questo è il problema. Aiuteranno, ma abbiamo ancora bisogno di stimoli di bilancio e ne abbiamo molto bisogno. Devono essere orientati verso le persone che soffriranno maggiormente", ha detto Scott Brown, capo economista di Raymond James a San Pietroburgo, in Florida.

Gli investitori avevano sperato nell'ok del Senato Usa durante il fine settimana a un pacchetto di stimolo da oltre 1.000 miliardi di dollari contro il coronavirus, ma democratici e repubblicani stanno ancora cercando di raggiungere un accordo.

Goldman Sachs prevede una netta contrazione del Pil reale globale nel 2020 sulla scia di un calo del 24% del Pil reale statunitense nel secondo trimestre.

BOEING spicca sull'indice Dow, in rialzo del 6,1% dopo che Goldman Sachs ha alzato il rating a "buy", prevedendo una ripresa dalle recenti difficoltà. 

DANAHAER balza del 4,4%, dopo aver ricevuto l'approvazione della Fda per il primo test diagnostico rapido per coronavirus.

 

((Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278))