Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    54.467,88
    +1.505,36 (+2,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.239,37
    +40,80 (+3,40%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4863
    +0,0051 (+0,34%)
     

Borsa Usa in calo, outlook Microsoft zavorra settore tech, trimestrali deludenti

Il cartello stradale di Wall Street davanti la borsa di New York

(Reuters) - I principali indici di Wall Street perdono terreno, con il Nasdaq in ribasso del 2% su Microsoft che ha zavorrato il settore tech, mentre i deludenti dati trimestrali di Boeing aumentano i timori di una recessione.

Alle ore 16,55 italiane, il Dow Jones perde 370,39 punti, pari all'1,10%, a 33.359,89, l'S&P 500 cede 55,17 punti, o l'1,37%, a 3.961,60, e il Nasdaq 245,61 punti, o il 2,10%, a 11.095,28.

Microsoft cede il 3,4% dopo che l'azienda ha avvertito che la crescita della divisione cloud potrebbe arrestarsi, mentre l'unità dei Pc tentenna. Il settore tech tecnologico S&P 500 ha perso il 2,1%.

Amazon.com, Salesforce e ServiceNow, che hanno importanti attività nel settore del cloud, perdono tra l'1,8% e il 3,1%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Male anche altri importanti titoli 'growth', tra cui Apple, Alphabet e Tesla, in ribasso tra il 2% e il 3,5%.

Boeing, scivola del 3,8% in scia ai risultati del quarto trimestre che evidenziano ricavi sotto le stime e un aumento della perdita del costruttore di aerei nel 2022.

AT&T balza del 5,6% grazie a un incremento degli abbonati superiore alle attese, mentre Textron cede lo 0,3% anche dopo aver pubblicato ricavi oltre le stime, sostenuti dalla domanda di jet privati.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)